Home > 1920-1929, Fantascienza, Film Muti, U.S.A. > Il Mago (The Magician) – Rex Ingram (1926)

Il Mago (The Magician) – Rex Ingram (1926)

Rex Ingram, nel 1926, è il classico uomo che ce l’ha fatta, che passo dopo passo ha scalato la scala sociale fino a raggiungere Hollywood e raggiungere il Sogno Americano. Ma chi è Rex Ingram? Nato a Dublino nel 1892, a diciannove anni parte per l’America per sbancare. Ingram inizia studiando scultura e ben presto entra in contatto con la Edison Company con cui collabora come sorta di aiutante tuttofare. Però Ingram vuole di più, vorrebbe provare a dirigire un film. Inizia dirigendo alcuni film poco fortunati, poi il salto di qualità. Nel 1921 June Mathis lo consiglia alla Metro Goldwyn Pictures, meglio nota come Metro Goldwyn Mayer (MGM), compagnia di produzione che ancora adesso produce film di successo internazionale. Ingram dirige The Four Horsemen of the Apocalypse con Rudolph Valentino. Il film incassa cifre record sia in America che nel resto del mondo, tanto da divenire un vero è proprio caso. Questo è il vero e proprio trampolino di lancio per la sua carriera, che purtroppo non troppo lunga. Alla sua storia si intreccia quella di Paul Wegener, il grande attore tedesco (meglio ancora “uomo di cinema”) che purtroppo non riuscì mai a sfondare in America. E The Magician è proprio uno dei rari film americani di Wegener, un film in cui interpeta il ruolo di un inquietante medico con una strana passione per la magia nera. Ma andiamo alla trama:

A Parigi la giovane scultrice Margaret Dauncey (Alice Terry) si infortuna gravemente alla schiena nel crollo di una sua opera in marmo. Per salvarla dalla paralisi, viene chiamato in causa il Dr. Arthur Burdon (Iván Petrovich), famoso per le sue imprese miracolose. Grazie all’intervento del dottore, la giovane guarisce. I due giovani, inizia a frequentarsi sempre più spesso fino a decidere di sposarsi. La bella Margaret, però, viene presto notata dal mago Oliver Haddo (Paul Wegener) che usa le sue capacità magiche per ipnotizzarla. Il malvagio Haddo vuole dar vita ad un terribile esperimento che necessita assolutamente del cuore di una vergine di pelle bianca, capelli biondi e occhi verdi o azzurri. Inutile dire che Margaret è la sua vittima prescelta. Ma non tutto va come dovuto. Dopo aver iponitazzato la sua vittima, Haddo la rapisce a la porta a MonteCarlo, dove però il Dr. Arthur decide di seguirli sicuro che le sia accaduto qualcosa. Dopo una scena all’interno di un immancabile casinò (siamo a Monte Carlo del resto!), ci si avvia verso l’inevitabile finale. Riuscirà il Dr. Arthur a salvare la bella Margaret dal perfido mago Haddo?

Vi preannuncio che nelle scene finale si vede quello che potrebbe essere un preludio di ispirazione per molti dei film sugli scienziati pazzi. Vado più nell specifico, avete presente la scena tipica del risveglio del Mostro di Frankestein situata di solito su un maniero abbandonato tra mille ampolle in una nottata di tempesta con tuoni e fulmini? Ecco in The Magician ritrovarete la stessa scena identica così come la stessa atmosfera. Chissà a quando risale il prototipo iniziale a livello figurativo. Ovviamente se avete la risposta non esitate a darmela. Tornando al film, il soggetto di per sé sarebbe molto affascinante, ma purtroppo la sceneggiatura è stata scritta in maniera piuttosto banale e prevedibile. Certo, la storia non è originale ma tratta da un romanzo del 1908 di William Somerset Maugham, bisognerebbe vedere quanto il racconto originale sia vicino alla storia del film. Nonostante la secenggiatura piuttosto debole, non mancano scene memorabili, come quella della visione dell’inferno che mi sono permesso di inserire nel filmato in fondo alla pagina, tra satiri e scene decisamente infernali e peccaminose. Nella scena dell’inferno la capigliatura stessa di Haddo lascia trasparire due corna di natura evidentemente satanica, a sottolineare ulteriormente, come se ce ne fosse bisogno, la malvagità del personaggio. Ecco su Wegener vorrei spendere davvero due parole, perché nessuno forse come lui riesce a caratterizzare tanto bene un personaggio malvagio e a catalizzare l’attenzione dello spettatore su di sé. Piccoli gesti, l’utilizzo attento di sguardi e mimica facciale, tutto sembra essere studiato nei mimimi dettagli per incutere timore e mostrare subito allo spettatore la propria natura malvagia. Per certi versi oserei dire che questo film non sembrerebbe affatto americano, ma piuttosto vicino alla produzione tedesca. Nonostante la qualità generale del film fosse piuttosto buona, The Magician non riscosse purtroppo il successo sperato e di fatto pose fine ai sogni di gloria americani di Wegener. Anche Ingram non ebbe maggior fortuna tanto che pose fine alla sua carriera di regista nel 1933 dopo una brevissima parentesi nel cinema francese.

Riguardo al mercato Home Video mi sembra che l’unica versione di questo film in commercio sia quella americana, che presenta comunque un restauro di tutto rispetto e un prezzo contenuto se si cerca attentamente sui siti di ecommerce online.

<

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: