Home > 1920-1929, Film Muti, Francia > Antoinette Sabrier – Germaine Dulac (1926)

Antoinette Sabrier – Germaine Dulac (1926)

Quando ho visto le prime scene di questo film, mi è venuta in mente una definizione che in realtà non è molto pregnante ma mi ha fatto riflettere: “è un l’Argent (1928) al femminile“. In realtà, come detto, non è affatto così ma forse la mia impressione primigenea, nasce semplimente dalla descrizione che la Dulac fa del mondo finanziario, dove le persone più grette e meschine mettono il lorointeresse personale al di sopra di quello comune. Tutto questo visto dal punto di vista di una donna. Le vicende si ispirano all’opera omonima di Romain Coolus (1906) che la Dulac aveva attentamente analizzato e recensito nel 1908.

Antoinette Sabrier (Ève Francis), è sposata con il magnate Germain Sabrier (Gabriel Gabrio) a cui deve la sua condizione agiata e di realtiva libertà. Antoinette si sente però trascurata dal marito e intraprende presto una storia d’amore clandestina con il ricco ma sensibile René Dangenne (Paul Guidé). Antoinette è però ancora fortemente grata al marito e nega al suo amante ogni segno d’amore evidente prima di aver chiarito la faccendo con Germain. Succede l’imprevedibile: Jamagne (Jean Toulout), uomo di fiducia di Germain nonché membro della commissione bancaria, anche lui innamorato di Antoinette ma non corrisposto, decide di rovinarli per vendetta. Si appropria quindi di un territorio importantissimo per l’estrazione del petrolio impedendo di fatto al rivale ogni trivellazione. Di fronte a questa inattesa problematica Antoinette è restia a lasciare il marito. In un finale intensissimo lei sarà costretta a scegliere tra Germain e René, conscia del fatto che se mai non sceglierà il marito, egli piomberà in un baratro di vergogna e disperazione. Mettendo da parte i suoi sentimenti, allora, tornerà accanto al marito, che colto da un rinnovato vigore sistemerà al meglio la situazione disperata.

La Dulac vuole farci ragionare non solo sul mondo della finanza ma sulla forza delle donne. Di fronte ad una situazione insostenibile, Antoinette decide di mettersi da parte e tornare a sostenere un uomo che sa essere assolutamente dipendente da lei. Probabilmente un uomo non l’avrebbe mai fatto, eppure Antoinette, donna intelligente ed emancipata, mette da parte il suo orgoglio anche solo per la riconoscenza che prova nei confronti del marito. Come in The Temptress, la protagonista fa girarare tutta la vicenda. Tutti i personaggi sono attratti da lei e di fronte alle sue azioni mettono in atto raggiri e vendette di ogni tipo. Così anche se lei è il motore involontario di tutto questo, perché fa di tutto per non mettersi in mostra, al contrario della Tentratrice Greta Garbo, il risultato finale non sarà differente, perché nonostante tutto di fronte agli eventi contrari non ci sarà un vero e proprio lieto fine, ma sarà lei a dover fare una scelta, per quanto difficile e dolorosa. A proposito di paragoni con The Temptress, Antoinette Sabrier uscì in sala con finali differenti, che potevano variare in base al pubblico o alla scelta del proiezionista. Purtroppo non è stato possibile visionare gli altri finali, è possibile per altro che quello proiettato sia l’unico superstite.

Nota: l’immagine del film è tratta dal sito della Cineteca di Bologna
Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: