Home > 1920-1929, Film Muti, U.S.A. > Le notti di Chicago (Underworld) – Josef Von Sternberg (1927)

Le notti di Chicago (Underworld) – Josef Von Sternberg (1927)

Forse per una volta la traduzione italiana ha salvato un film. Diciamo la verità, a cosa penserebbe un ragazzo di oggi se sentisse parlare di Underwold? Amante o meno del genere sicuramente gli verrebbe in mente l’epopea (non saprei dire neanche quanti film sono usciti) su vampiri, uomini lupi e quant’altro. Fortunatamente grazie allo stravolgimento del titolo in italiano possiamo riferirci a questo film senza correre il rischio di essere fraintesi. Doppia fortuna, poi, quella di poter parlare di “Le notti di Chicago” e non de “Il castigo“, prima traduzione molto kunderiana del titolo. Era il 1927 quando il film venne proiettato la prima volta. Il regista viennese Von Sternberg era stato chiamato a dirigire il film dopo che la prima scelta, Arthur Rosson, era stata scartata. La Paramount non credeva affatto in questa storia. In effetti il soggetto di Ben Hecht era decisamente in anticipo sui tempi e non sembrava potesse attirare il pubblico. Underworld venne quindi distribuito in un solo cinema di New York, ma, contro ogni aspettativa, divenne un vero e proprio successo che culminò con il premio Oscar per la Migliore Sceneggiatura Originale nell’anno della prima assegnazione della celebre statuetta. Era il 1929 e venivano premiati i migliori film delle annate 1927/28. Insomma una vera e propria consacrazione.

“Bull” Weed (George Bancroft), gangster noto per la sua forza, con parte dei soldi delle sue rapine ripulisce e sistema poveri ed ubriaconi che ritiene degni di stima. Tra questi spiccano la sua ragazza “Feathers” McCoy (Evelyn Brent), lo strambo “Slippy” Lewis (Larry Semon) e “Rolls Royce” Wensel (Clive Brook), cervello del gruppo. Ma le cose si mettono male: l’irruento “Buck” Mulligan (Fred Kohler) si innamora di Feathers e tenta di violentarla. La reazione di Bull è violenta e furiosa e lo porta a commettere un omicidio. Catturato dalla polizia il gangster viene condannato all’impiccagione, ma non tutto sembra perduto…

(se non volete sapere come va a finire la storia non leggete da qui in poi…)

…Rolls e Feathers, da tempo innamorati, mettono da parte i loro sentimenti per liberare Bull. Questi però è da tempo a conoscenza della loro relazione e sospetta l’abbiano tradito. Purtroppo il tentativo della banda per far evadere Bull fallisce, ma il gangster riesce comunque a scappare grazie alla propria forza. Tra sparatorie e scene ad alta tensione, Bull si convince della sincerità dei sentimenti dei suoi amici e si sacrifica per regalare loro una felice vita insieme.

(potete riprendere la lettura da qui..)

Un film a cui manca solo la voce, il cui fantasma però traspare grazie alla splendida interpretazione di George Bancroft, la cui risata contagiosa echeggia nella mente dello spettatore. Ottima anche la prova dell’ammiccante Evelyn Brent e del silenzioso e sofferente Clive Brook. Non stona neanche l’interpretazione del grandissimo Larry Semon, meno citato dei grandi Chaplin, Keaton e Lloyd, ma che merita comunque una menzione speciale per quello che ci ha saputo regalare nel corso della sua carriera. Underwold, di cui curò anche la sceneggiatura, è forse l’ultima scintilla prima del grande declino. Appena un anno dopo, nel 1928, Semon morirà tra debiti e depressione a seguito di una brutta polmonite. Il film presenta immagini curate meticolosamente, con un uso sapiente di giochi di luce. Del resto la fotografia era curata dal grande  Bert Glennon che, nel corso della sua lunga carriera, riceverà ben tre candidature agli Oscar. Il film risulta sicuramente godibile anche adesso, sebbene alcune trovate, all’epoca assolutamente innovative, sono poi diventate uno standard per il genere gangster con il risultato di rendere lo svolgimento prevedibile. L’azione si sviluppa in maniera rapida, non mancano sparatorie, scene drammatiche e colpi di scena. Insomma una pellicola da non perdere per gli amanti dei film gangster, quanto meno per vedere come tutto è nato. In Italia Le notti di Chicago è edito dalla Dcult e facilmente reperibile.

Annunci
  1. maggio 7, 2013 alle 11:24 am

    Someone essentially assist to make critically posts I
    might state. That is the first time I frequented your web page and up to now?
    I surprised with the analysis you made to create this actual post extraordinary.
    Magnificent task!

  2. orlando culinary school
    maggio 20, 2013 alle 3:58 am

    I needed to thank you for this excellent read!! I certainly loved every bit of it.
    I’ve got you bookmarked to look at new stuff you post…

  1. ottobre 18, 2011 alle 9:44 am
  2. novembre 16, 2012 alle 1:47 pm
  3. gennaio 22, 2013 alle 5:17 pm
  4. febbraio 11, 2013 alle 10:47 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: