Home > 1885-1909, 1910-1919, Film Muti, Francia, Natale > Cortometraggi per un Natale Muto – Parte 4

Cortometraggi per un Natale Muto – Parte 4

Ed eccoci all’ultimo appuntamento dedicato alle produzioni mute relative al Natale. Non potevo che terminare parlando di due cortometraggi diretti da due istituzioni del cinema muto francese: Georges Méliès e Louis Feuillade. Se il primo,come capita per le prime produzioni di Méliès, è davvero brevissimo e quasi onirico, il lavoro di Feuillade si rivela molto più complesso ed interessante ed è forse il cortometraggio muto dedicato propriamente al Natale più complesso e meglio strutturato.

– Le rêve de Noël – Georges Méliès (1901)

Questo brevissimo cortometraggio è articolato in diverse sezioni. Tutto inizia con dei bambini che vengono messi a letto dalla governante. Partono poi di quadri sognanti tra campane che suonano e feste esasperate. Nell’ultima parte i bambini si svegliano per ricevere i loro regali di Natale. Parte allora una danza sotto la neve dal chiaro valore simbolico.

Personalmente ho trovato il breve corto un po’ confusionario ma comunque divertente nella sua bizzarria. Quello che comunque traspare è l’estrema felicità che il Natale porta a grandi e piccini. Ognuno ha i suo bisogni: i grandi preferiscono grandi mangiate e schiamazzi, mentre i bambini scartare i loro splendidi regali.

<<<<

<<<<

– Le Noël du poilu – Louis Feuillade (1916)

La cosa interessante di questo cortometraggio è il fatto che si parli di un argomento effettivamente caro alla sensibilità della gente dell’anno in cui veniva proiettato il film. Ricordiamo che dal 1914 al 1918 la Francia partecipava alla sanguinosa I Guerra Mondiale, caratterizzata dalle stenunati attese in trincea e dalle cariche spesso suicide. I cari, era evidente, erano perennemente in pena per i soldati, così come questi ultimi pensavano sempre alle loro famiglie. Quale miglior momento, quindi, per alleviare le pene dei soldati se non durante il Natale?

Il Natale si avvicina e il caporale Jean Renaud non può ricevere il permesso per festeggiare il Natale con la sua famiglia perché i suo cari sono rimasti al Nord, invaso dal nemico. In Turenna la Signora Datois, madrina del soldato, viene a conoscenza che la Signora Renaud e la figlia fanno parte di un gruppo di rifugiati e fa pressione sulle autorità affinché vengano fatte alloggiare in casa sua. Decide poi di organizzare una sorpresa a Jean. Il caporale, infatti, ignaro di tutto, viene invitato dalla Signora Datois alla veglia Natalizia ottenendo così il permesso. Una volta giunto nella villa può finalmente riabbracciare la sua famiglia felice e commosso dallo splendido regalo…

A mio avviso questo Noël du poilu è uno splendido quadro di un determinato periodo storico. Bisogna dire che esso è decisamente edulcorato e forse lievemente propogandistico. Basterebbe vedere le trincee, perfette come tutti i soldati fatti vedere. L’unica fonte di preoccupazione per il soldato, infatti, è quella di non poter rivedere i suoi cari. Questo però non rende meno emozionante il racconto che pur nascondendo un lieto fine scontato lascia incollati allo schermo grazie una bella fotografia, semplice ma efficace, ed un buon livello di recitazione.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: