Archivio

Posts Tagged ‘Geppino Iovine’

Fantasia ‘e surdato – Elvira Notari (1927)

fantasia2Fantasia ‘e surdato è forse il film che contiene il maggior numero di elementi ricorrenti nel cinema della Notari: l’amore, la gelosia, il tradimento, la famiglia distrutta, la mala femmina e l’onore conquistato in battaglia. Proprio per questo suo essere esemplificativo ho scelto di partire da lui per iniziare a parlare del cinema della Notari che questa edizione del Cinema Ritrovato ci ha permesso di scoprire ed amare. Tra le varie stranezze da notare che il film è ambientato a Roma invece che a Napoli.

Giggi (Geppino Iovine) è innamorato di una giovane fioraia (Lina Cipriani ?*), la quale però lo lascia perché sente il  peso di un amore semplice e privo di sorprese. Lui, distrutto dal dolore, cede alle moine di Rosa,  una donnaccia che riesce a incatenarlo tra le sue venefiche grinfie. Perderà piano piano la sua dignità fino ad arrivare a rubare in casa della povera madre e del fratello Gennariello (Eduardo Notari). Raggiunto il fondo della sua moralità, Giggi si suicida, pregando Rosa di restituire un pendaglio di famiglia che aveva sotratto. Rosa*, invece, scrive alla polizia instillando il sospetto di un omicidio effettuato da Gennariello. La polizia lo arresta e questo porta la vecchia madre in una voragine di dolore. Rosa, però, inizia a pentirsi della sua malvagità e si rieca dall’anziana donna: qui viene a conoscenza delle sofferenze patite da Gennariello quando era soldato, quando aveva lottato senza paura tanto da guadagnarsi una medaglia al valore. Rosa allora crolla e rivela la verità denunciandosi per falsa testimonianza ai carabinieri.

EduardoCaratteristica principale dei film della Notari era quella di ispirarsi a una canzone o comunque da testi della canzone tradizionale, in modo tale da rendere esportabile il prodotto, specie negli Stati Uniti. In questo caso le vicende sono tratte dal monologo in romanesco “Er fattaccio” di Amerigo Giuliani (ecco il motivo dell’ambientazione romana) e dalla canzone napoletana che da il nome al film, Fantasia ’e surdato, di Beniamino V. Canetti e Nicola Valente. Rispetto ad altri film proiettati, seppur nella sua crudezza, il film ha la particolarità di avere un happy ending che rivaluta per altro la figura di Rosa, fino ad allora vera e propria malafemmina. Il finale si allontana molto dal monologo da cui è tratta la scenggiatura: nella versione originale, infatti, il protagonista uccide effettivamente il fratello Giggi durante una lite, perché poco prima quest’ultimo aveva colpito la madre che era caduta a terra come morta lanciando un grido. Nel film, invece, Gennariello è innocente ed è anzi un’anima candida, che ha penato come soldato e ha ottenuto una medaglia la valore. Qui si trova in giro un errore riguardante la trama, secondo alcuni Genneriello si farebbe soldato per sfuggire alla prigione, ma nella realtà egli ha già combattuto e la madre ricorda le sue gesta passate proprio ad evidenziare come una persona che ha lottato così nobilmente difficilmente può avere il cuore di uccidere un fratello.

La vicenda, come da tradizione della Notari, è estremamente drammatica seppur nel suo lieto fine. Per sdrammatizzare ecco una serie di cose divertenti che abbiamo notato durante la visione: 1) la giovane fioraia è, almeno per i canoni attuali, una bella ragazza, mentre Rosa proprio per niente; potete immaginare le risate che ha strappato una scena in cui Giggi mostra orgoglioso la nuova fiamma alla ex  urlando: ”vedi quanto è bella la mia Rosa?”. Tra l’altro proprio in quel momento un altro tipo le sta suonando una serenata; contento lui! 2) il povero Eduardo Notari ha una perenne espressione del “mainagioia”, rendendo patetica qualsiasi scena, anche quelle dove dovrebbe essere invece felice: occhi a palla e sguardo perso nel vuoto come a voler urlare: “marò!”; 3) alcune didascalie laconiche sono davvero molto divertenti, alcune cose accadono quasi improvvisamente senza un reale svolgimento lasciando piuttosto spiazzati.

Concludo dicendo che ho visto Fantasia ‘e surdato solo dopo è piccerella, che è a mio avviso il più bello e originale tra i film presentati della Notari, per cui ho avuto l’impressione che il film fosse un “more of the same” meno riuscito in virtù anche dei punti sopracitati. Almeno Giggi è più bellino di Tore, anche se meno selvaggio, ma Rosa non è un personaggio forte come la Piccerella. Insomma un film bello, ma che paga la scarsa fantasia nel soggetto e la visione ravvicinata con altre pellicole più riuscite della regista.

* credo di aver identificato con correttezza il nome dell’attrice che interpreta la fioraia, ma non ho avuto fortuna con Rosa, di cui ignoro l’interprete.

Le immagini sono tratte dal web e sono molto scarse, alcune provengono dalla proiezione live di Michela Coppola e Anacleto Vitolo che potete vedere sul sito web dedicato, altre dal Woman Film Pioneers Project che dedica una sezione ad Elvira Notari.
Annunci