Archivio

Posts Tagged ‘Ralph Lewis’

The Raven di Charles Brabin (1915) ed Edgar Allan Poe nel cinema muto

51794221_783432275365371_1302067740063825920_nCon l’articolo di oggi Esse ci porta alla scoperta di Edgar Allan Poe e il cinema muto tra il celebre Corvo e l’amore per la moglie.


Oggi ci occupiamo di uno dei primi film che trattano la figura del leggendario scrittore americano Edgar Allan Poe: The Raven, a dispetto del titolo, non è incentrato infatti sulla poesia omonima ma è più una biografia (assai romanzata) dell’autore.

Questo mediometraggio, della durata originaria di 80 minuti (di cui attualmente ne rimangono 59) non parte in realtà dalla nascita del protagonista ma scava nelle sue radici fino ad arrivare ai suoi antenati: nel 1745 vediamo John Poe arrivare in America dall’Irlanda, mentre suo figlio (?) David Poe nel 1776 prende parte alla rivoluzione americana; si arriva così al 1805, anno in cui l’attore David Poe Jr. sposa Mrs. Hopkins, futura madre dello scrittore. Edgar nasce da questa unione nel 1809 e la sua infanzia è subito funestata dalla morte prematura di entrambi i genitori. In seguito a questa tragedia, il bambino viene adottato da John Allan, un ricco mercante che paga per la sua formazione e lo mantiene fino all’adolescenza, nonostante Edgar manifesti un’inclinazione per l’alcol e i debiti di gioco.

Da questo momento, la storia s’incentra sull’incontro tra il futuro scrittore e la cugina Virginia Clemm, di cui si invaghisce; tale incontro e il successivo corteggiamento vengono fortemente romanzati all’interno del film, passando attraverso una disputa con un secondo corteggiatore di Virginia, romantiche passeggiate solitarie tra i due e il momento in cui Edgar viene ripudiato dal genitore adottivo a causa dell’ennesimo debito contratto per liberare uno schiavo nero (?).

La coppia comincia così una vita di stenti: nessun editore accetta di pubblicare le opere di Edgar e il ménage familiare è funestato dalla tubercolosi che gradualmente indebolisce Virginia, portandola in fin di vita. Nonostante le cure prestate dalla madre e dal marito, Virginia non sopravvive, lasciando lo scrittore in preda alla disperazione e alle allucinazioni (a cui non era estraneo: già da adolescente lo si vede alle prese con un duello immaginario).

Durante una di queste crisi, Edgar vede arrivare un corvo e vive in prima persona lo sconforto descritto nei versi della sua celebre poesia; subito dopo, il film si conclude con la morte dello scrittore, ormai preda di visioni fantastiche riguardanti la defunta moglie.

Sicuramente il film non è indirizzato ai cultori più puristi, date le notevoli libertà sulla vita di Edgar Allan Poe; in aggiunta a questo, il film non scorre a ritmo sostenuto: la trama indugia eccessivamente sul corteggiamento della futura moglie e pressoché nessuno spazio viene dato alla sua affermazione di scrittore. Se è vero che alla versione attuale manchino 20 minuti di girato, tuttavia è difficile supporre che al termine del film quest’ultimo subisca un cambiamento di rotta: in fondo è pur sempre basato su un lavoro teatrale intitolato The Raven: The Love Story of Edgar Allen Poe .

51751419_365729994157943_552051546922156032_nInteressante è notare che pochi anni prima, e precisamente nel 1909, un corto simile era stato girato dal grande regista David Wark Griffith: in occasione del centenario della nascita dello scrittore, Griffith si era affrettato a girare un corto celebrativo intitolato Edgar Allen Poe (e a tale fretta è attribuito l’errore di misspelling). Questo corto, della durata di 7 minuti, inizia proprio con l’immagine del capezzale di Virginia (interpretata dalla moglie del regista) verso cui lo scrittore si prodiga in cure. Improvvisamente un corvo si materializza nella stanza ed Edgar, colto dall’ispirazione, scrive di getto la sua poesia più famosa¹. Subito dopo si reca a proporla a diversi editori e, dopo vari rifiuti, uno di loro accetta di pubblicarla. Felice della buona riuscita, Edgar torna a casa con del cibo e una coperta per la moglie ma ormai è troppo tardi: Virginia è spirata poco prima, sotto lo sguardo impassibile dello stesso corvo.

Questo non è neppure l’unico lavoro dedicato da Griffith allo scrittore: nel 1914 aveva girato anche un lungometraggio intitolato The Avenging Conscience, basato sul racconto Il cuore rivelatore e sulla poesia Annabel Lee dello stesso Poe.

Si tratta di due lavori dal ritmo diverso (del resto sarebbe stato difficile il contrario, trattandosi di un corto e di un lungometraggio) ma molto simili sul piano dei contenuti; al di là del materiale di partenza, colpiscono le corrispondenze creatisi tra i registi e le loro consorti: in scena quella di Griffith, idealmente presente la futura di Brabin (si tratta di Theda Bara, perturbante icona del cinema dell’epoca) per una storia focalizzata proprio sul rapporto tra Poe e la moglie Virginia

¹In realtà lo scrittore stesso analizzò minuziosamente la genesi di questa poesia in The Philosophy of Composition (1846), facendola apparire come un accurato lavoro di riflessione.

 

Annunci

Uomini nella notte (Outside the Law) – Tod Browning (1920)

Piccola premessa: questa recensione è stata scritta nel “lontano” febbraio 2013 ma per motivi differenti non è stata mai pubblicata fino a oggi. Come ho avuto modo di dire altre volte, E Muto Fu possiede in realtà un gran numero di recensioni già scritte ma la cui pubblicazione è stata rimandata per diverse motivazioni. Il mio stile è mutato con il tempo così come il mio modo di approcciarmi a un film. In un certo senso non mi riconosco più pienamente in quanto ho scritto in passato, eppure sono contento di condivedere con voi quello che ero e quello che pensavo. Dopo questa premessa vi lascio finalmente alla recensione:

Dopo The Wicked Darling, Lon Chaney e Tod Browning si ritrovano insieme per la seconda di una lunga serie di film. In Ouside the Law, l’attore dai mille volti interpreta il duplice ruolo di un gangster, Black Mike Sylva, e di un servitore cinese, Ah Wing. La storia vedeva, al contrario degli stereotipi dell’epoca, la cultura cinese e i cinesi in generale sotto un’ottica positiva a conferma di quanto Browning fosse sempre stato anticonformista ed aperto alla rivalutazione dei luoghi comuni (che comunque qui non mancano) e di come Freaks non sia stato un caso isolato nella sua carriera..

Chang Lo (E. Alyn Warren), filosofo confuciano, convince il Boss Silent Madden (Ralph Lewis) e la figlia Molly (Priscilla Dean) a ritirarsi dall’attività criminale. Questa scelta desta però il malumore nella malavita di San Francisco, tanto che Black Mike Sylva (Lon Chaney), che aveva un conto in sospeso con il Boss, arriva ad accusare Silent Madden di un omicidio che questi non ha mai commesso. L’ingiusta accusa fa perdere a Molly la fiducia riposta in Chang Lo. Insieme a Dapper Bill Ballard (Wheeler Oakman), decide quindi di compiere una rapina nascondendosi poi in un Hotel assieme al complice in attesa che le acque si calmino. Ma Black Mike è deciso a rovinare anche la ragazza e passa a setaccio la città alla sua ricerca. Quando il gangster li trova, tutto sembra perduto. Ma in un colpo solo, e grazie anche all’aiuto del cinese Ah Wing (Lon Chaney), Molly riuscirà a porre fine a tutti i suoi problemi…

In questo film il ruolo di Lon Chaney è a prima vista secondario, eppure riesce comunque a catturare lo spettatore. L’attenzione del regista è puntata teoricamente su Priscilla Dean che tenta di inquadrare l’evoluzione del suo rapporto con il personaggio interpretato da Wheeler Oakman. Il film, nel complesso molto buonista, si rivela estremamente piacevole grazie ad una buona qualità recitativa e a dei ritmi narrativi piuttosto rapidi. Non mancano macchiette divertenti come il bambino dell’Hotel o lo stesso Ah Wing che catturano la simpatia dello spettatore oggi come allora. La prova di Chaney è come sempre ottima grazie alla sua solita capacità di entrare con estrema credibilità nei panni dei personaggi da lui interpretati (in particolare ovviamente Black Mike). Il successo del film portò Browning a farne un remake sonoro nel 1930 senza però la partecipazione di Lon Chaney, morto lo stesso anno a causa di un tumore alla gola che ne compromise la carriera sonora. Outside the Law viene solitamente considerato come uno dei primi gangster movie a presentare una forte componente psicologica ed in cui i personaggi, in particolare i due protagonisti, si evolvono nel corso della vicenda. Il film, a lungo considerato perduto, è stato fortunatamente ritrovato nel 1975 nella sua riedizione del 1926 (modificata rispetto a quella originale) distribuita a seguito del passaggio di Browning e Chaney alla MGM e del loro successivo grande successo (erano gli anni di The Unholy Three, The Mystic, The Blackbird). Nella versione originale pare che il ruolo di Ah Wing fosse molto più corposo.

Il film è disponibile in Italia grazie all’edizione della DCult, di qualità discreta e dal prezzo molto conveniente. Consigliato agli amanti di Chaney e di Browning.