Archivio

Posts Tagged ‘Camille Saint-Saëns’

Il Fantastico Mondo di Hugo Cabret

aprile 24, 2014 Lascia un commento

Ma come? Un intervento solo adesso? Il libro è uscito nel 2007 e il film nel 2011, non è un po’ tardi?

Scherzi a parte, quella che vi racconto è una vicenda particolare, di come una storia sia scivolata dalle mie mani ripetutamente fino alla grande abbuffata di qualche giorno fa. Ma cominciamo dall’inizio. Di Hugo Cabret, devo ammettere, sapevo molto poco nel 2012 quando andai al Museo della Cinémathèque Française a Parigi. Ecco, quando entrai in quel meraviglioso piccolo mondo, venni disturbato da un particolare. Un anno prima era uscito un film, a cui avevo dato poco credito, su tale Hugo Cabret, una storiella per bambini che per qualche motivo pensavo fosse animata e in 3d, due cose che difficilmente sono compatibili con me. Ecco, Martin Scorsese aveva donato alcuni cimeli del film al mnuseo della Cinetca. Ma cosa ci facevano lì dentro? Cosa diavolo c’entravano? Feci una recensione sul mio viaggio a Parigi alla ricerca di Méliès e se ci fate caso non vi è alcuna traccia di quello che vi sto dicendo. Eppure mia sorella era molto attratta da questo film, tanto da ripetere a gran voce “ah! Come vorrei quel dvd per Natale!“. Ma il destino mi era avverso e così, ridottomi all’ultimo secondo per i regali, non trovai il DVD e il film ricadde momentaneamente nel dimenticatoio. Ma dentro di me il seme era stato piantato. Così per un qualche caso, decisi questo Natale di prendere in regalo per mia sorella il libro scritto da Brian Selznick ed edito dalla Mondadori in una splendida edizione che davvero consiglio a tutti. Eppure non gli diedi neanche una sbirciata. Decisamente non c’era amore tra me e Hugo Cabret. Lo scorso giorno la Rai ha deciso di trasmettere il film in prima serata. Per evitare la solita e noiosa pubblicità ho così tirato fuori il famoso dvd (acquistato nel frattempo e che in realtà, con gli aggiornamento tecnologici, era diventato un bluray) e di vederlo! Per me è un periodo di cose giuste al momento giusto, bene questo era il momento, forse l’unico, in cui l’amore tra me e questo film poteva sbocciare. Ma di cosa parla questa storia?

Il giovane Hugo Cabret sta riparando un automa (automat) in grado di scrivere, unico ricordo del padre morto in un incendio. Il ragazzo di giorno regola gli orologi della Gare de Lyon per conto del perfido zio, di notte lavora al suo prezioso cimelio con pezzi rubacchiati dal negozio di giocattoli. Ma chi sarà mai il propietario del negozio di giocattoli? Non è altri che Méliès (nel film uno splendido Ben Kingsley), che dopo la Guerra ha smesso dolorasamente di fare film, per dedicarsi a qualcosa di differente.

Due sono le storie che si intrecciano, una riguarda la riparazione dell’automat, mentre la seconda riguarda la riscoperta delle opere di Méliès, ormai anziano e disilluso, che sogna di tornare a far sognare le persone con i suoi film. Perché mi è piaciuto? Forse perché riunisce in un’unica opera tutto lo spirito di Méliès, sognante, unico e colorato. Mi hanno esaltato inoltre i riferimenti a film e avvenimenti della vita del regista, tra cui proprio l’automat che lui utilizzò addirittura in un film, purtroppo ancora perduto, Gugusse et l’automate (1897). Certo il tutto va preso per quello che è, un racconto di fantasia assolutamente fittizio, ma credo che come Méliès entrava nei suoi film interpretando tanti personaggi diversi, questo in fondo è solo un altro dei suoi personaggi fantastici.

Ma è meglio il libro o il film? Personalmente penso che si compensino ed incastrino a vicenda. Non si può leggere il libro senza aver visto il film e viceversa, anche perché il libro è un’esperienza fantastica, un film nel libro e un libro nel film grazie a intere frazioni raccontate tramite  il susseguirsi di splendide immagini. Il libro che ho (o meglio quello di mia sorella) è “La straordinaria invenzione di Hugo Cabret” traduzione di Fabio Paracchini de “I Grandi” Mondadori. Come Bluray ho preso quello classico 2d, come detto prima odio il 3d e penso che rovini i film nella quasi totalità dei casi. Ho spesso espresso questo giudizio ma amo il cinema muto perché è quello che è, senza il bisogno di effetti speciali computerizzati che mi distolgono dalla trama e dalle diverse emozioni che gli attori e i registi dovrebbero trasmettere attraverso la loro opera. La colonna sonora del film, curata da Howard Shore è davvero molto bella e spiccano le musiche di Camille Saint-Saëns ed Erik Satie. Ah per chi se lo stesse chiedendo il libro che appare ad un certo punto dal titolo Inventer le rêve – Histoire des Premiers Films di René Tabard è totalmente inventato come il suo autore.

Hugo Cabret è facilmente reperibile sia in versione caratacea che in dvd e bluray.

Concluderei con un elenco dei corti di Méliès o film muti in generale citati nel film di Scorsese (riportato nell’ordine dei titoli di coda) così da aggiornare i collegamenti di tanto in tanto:

Scene di Méliès inserite nel film:
Voyage Dans la Lune (1902)
Le Roi du Maquillage (1904)
À la conquête du Pole (1912)
Le Mélomane (1903)
Le Royaume des Fées (1903)
Papillon Fantastique (1909)
La Fée Carabosse ou le Poignard Fatal (1906)
Les Illusions Fantaisistes (1910)
Voyage à Travers l’Impossibile (1904)
Les Quat’cents farces du Diable (1906)

Set di Méliès Ricreati per il film:
Le Palais des Mille et une Nuits (1905)
Faust Aux Enfers (1903)
L’Éclipse de Soleil en pleine Lune (1907)
Les Quat’cents farces du Diable (1906)
Le Cake-Walk Infernal (1903)
Le Raid Paris-Montecarlo en deux heures (1905)
Cendrillon (1899)
La Libellule (1908)
Le Cauchemar (1896)
L’Homme a la Tête en Caoutchouc (1901)
La Chrysalide et le Papillon d’Or (1901)
Le Menuet Lilliputien (1905)
Grotte avec Flames (?)
La difthigijika chez les Tcherkesses (1880)

Fratelli Lumière:
Sortie D’Usine Lumière (1895)
Arrivèe d’un Train à la Ciotat (1897)

Altri:
Safety Last con Harold Lloyd (1923)
Das Cabinet des Dr. Caligari di Robert Wiene (1920)
The Four Horsemen Of the Apocalypse di Rex Ingram (1921)
La fille de l’eau di Jean Renoir (1925)
The Kid di Charlie Chaplin (1921)
Die Büchse der Pandora di Georg Wilhelm Pabst (1929)
The General di Buster Keaton (1926)
The Thief of Bagdad con Douglas Fairbanks (1924)
Tumbleweeds di William S. Hart (1925)
The Great Train Robbery di Edwin S. Porter (1903)
Intolerance di D.W. Griffith (1916)
Hell’s Hinges con William S. Hart (1916)

Aggiunte dal Libro Muti e non:
Escamotage d’une dame au theatre Robert-Houdin di Mèliès (1896)
A Clock Store della Walt Disney (1931)
Paris Qui Dort di René Clair (1921)
Sherlock Jr. con Buster Keaton (1924)
La Petite Marchande d’Alumettes di Jean Renoir (1928)
Zero de conduit di Jean Vego (1933)
Le quatre cents coups di François Truffaut (1959)
Sous les Toits de Paris di René Clair (1930)

Frankenstein – James Searle Dawley (1910)

marzo 10, 2013 4 commenti

Questo del 1910 è il primissimo adattamento cinematografico a noi noto dell’omonimo romanzo di Mary Shelley (1818). Prodotto dalla Edison Studios, venne scritto e diretto da J.S. Dawley. Si tratta, in realtà, di un cortometraggio di una decina di minuti, molto meno drammatico rispetto al romanzo a cui si ispira, pur mantenendo, però, una forte componente horror.

Il Dottor Frankenstein (Augustus Phillips), nel folle tentativo di dar vita alla materia inerte, crea un terribile Mostro (Charles Ogle) che inizia a perseguitarlo. Questi, però, sembra più intenziona a spaventare il suo creatore che non a seminare distruzione. Ammalatosi per lo shock, Frankenstein torna dalla sua amata Elizabeth (Mary Fuller) che vuole finalmente sposare. Il giorno del matrimonio, però, il Mostro torna a perseguitare il suo creatore. Nell’ultima scena Frankestenstein, guidato dall’amore che ha per Elizabeth, si convince della non esistenza del Mostro che scompare all’interno di uno specchio per poi dissolversi. L’amore puro ha finalmente trionfato…

Frankenstein è a tutti gli effetti una storia di fantascienza, dal momento in cui il Dottore, attraverso le sue conoscenze scientifiche, riesce a dare vita ad un essere vivente, seppur in tutta la sua mostruosità. Certo, questo Frankenstein è forse più un alchimista che non uno scienziato e il Mostro, lontano da quanto siamo abituati, prende vita grazie ad intrugli posti in un calderone. Ma la sua nascita è forse ancora più paurosa rispetto a quella che tutti conosciamo. Una massa incadescente e scheletrica, infatti, emerge, fotogramma dopo fotogramma, davanti agli occhi dello spettatore: una scena che colpisce ancora oggi, potete immaginare cosa abbia provocato nello spettatore dell’epoca. Tra gli attori spicca Charles Ogle, grande caratterista del cinema muto, che in un certo qual modo fornisce al suo Mostro tanti elementi caratteristici, tipici in realtà anche delle rappresentazioni teatrali, che accompagneranno i monsters degli anni successivi. Altra scena molto emozionante è quella finale dello specchio, in cui il mostro scompare finalmente e lascia posto all’amore puro. In un certo senso tutto il film è un vero inno all’amore e alla purezza, ma soprattutto al rispetto della dimensione propria dell’uomo. Il Mostro è una sorta di proiezione dei peccati del Dottor Frankenstein e scompare al termine della vicenda assieme ai suoi peccati giovanili.

Il film, a lungo ritenuto perduto, è stato invece conservato grazie ad un collezionista americano, Alois F. Dettlaff, che la acquistò negli anni ’50 pur ignorando per molto tempo il reale valore della pellicola in suo possesso. Quando, intorno alla metà degli anni ’70, ne venne resa nota l’esistenza, partirono i tentativi di restaurare la pellicola. Per fortuna, nonostante lo stato di deterioramento, erano ancora parzialmente conservate le tinte e gli intertitoli originali. Nel 2010, in occasione del centenario del film, la BearManor Media decise di mettere a disposizione di tutti una copia restaurata del film. Inoltre venne pubblicato il libro “Edison’s Frankenstein” di Frederick C. Wiebel Junior. Sempre in occasione del centenario, lo scrittore e regista Dave Mitchell decise di proporre una propria versione di questo cortometraggio noto come “Frankenstein 1910 2010“, con nuovi intertitoli tratti direttamente dal romanzo di Mary Shelley, tinte rinnovate per alcune scene e l’utilizzo della “Danse Macabre” di Camille Saint-Saëns come colonna sonora. Attraverso le modifiche apportate agli intertitoli, Mitchell ha voluto mettere maggior risalto alla necessità del Mostro di essere considerato un amico dal suo creatore. Personalmente preferisco questa seconda versione che ritengo più poetica, nonostante stravolga in gran parte il senso originario del film. Dopo una lunga indecisione ho deciso comunque di proporvi questa seconda versione, ma se desiderate vedere, e vi consiglio di farlo, la versione con gli intertitoli originali potete cliccare qui. Buona visione.

Curiosità: Nel 2003 Chris Yambar (testo) Robb Bihun (disegni) realizzarono un fumetto ispirato a questo film chiamato “Edison’s Frankenstein 1910“. Cliccando qui potete vederne una vignetta.