Archivio

Posts Tagged ‘Lev Kulešov’

Il Gran Festival del Cinema Muto di Milano

Mercoledì 11 Settembre partirà ufficialmente la quarta edizione del Gran Festival del Cinema Muto di Milano.

Questa edizione è interamente dedicata al Cinema Sovietico attraversando nell’arco di quasi un mese alcuni delle principali produzioni dell’epoca muta. Si passerà dalla celebre Corazzata Potëmkin (Бронено́сец Потёмкин) di Sergej Michajlovič Ėjzenštejn (1925) a Aelita (Аэлита) di Jakov Aleksandrovič Protazanov (1924) senza dimenticare L’uomo con la macchina da presa (Человек с киноаппаратом) di Dziga Vertov (1929) e così via.

Tutto sarà condito con musica dal vivo che accompagnerà lo spettatore nel corso di tutta la rassegna.

Ecco il programma del Festival:

GRAN FESTIVAL DEL CINEMA MUTO
Milano, 11 settembre – 4 ottobre 2013
QUARTA EDIZIONE: I MAESTRI DEL CINEMA RUSSO
——————-
11/09 Teatro Dal Verme ore 21:00:
LA CORAZZATA POTËMKIN – Sergej Mikhajlovič Ejzenštejn (1927)
accompagnamento: Orchestra I Pomeriggi Musicali
Biglietto intero: 10 euro
Ridotto: 5,50 euro

15/09 Spazio Oberdan ore 21:00:
MR. WEST NELLA TERRA DEI BOLSCEVICHI – Lev Kulešov (1924)
accompagnamento: Rossella Spinosa

20/09 Politecnico di Milano ore 21:00:
L’UOMO CON LA MACCHINA DA PRESA – Dziga Vertov (1929)
accompagnamento: I Solisti Lombardi
Ingresso libero con prenotazione sul sito http://www.150.polimi.it/

22/09 Spazio Oberdan ore 21:00:
OTTOBRE – Sergej Mikhajlovič Ejzenštejn (1927)
accompagnamento: Rossella Spinosa, pianoforte

29/09 Spazio Oberdan ore 21:00:
LA TERRA – Aleksandr Dovženko (1930)
accompagnamento: Rossella Spinosa, piano

02/10 Spazio Oberdan ore 21:00:
LA MADRE – Vsevolod Illarionovič Pudovkin (1926)
accompagnamento: Rossella Spinosa, piano

03/10 Museo del Novecento ore 20:30:
PROKOFIEV & EISENSTEIN – Conferenza e proiezione (ingresso libero)

04/10 Museo Interattivo del Cinema ore 21:00:
AELITA – Jakov Aleksandrovič Protazanov (1924)
accompagnamento: I Solisti Lombardi

Dove non altrimenti indicato
Biglietto intero 7 euro.

Biglietto ridotto e cinetessera 5,50 euro

Per il programma completo di schede (o comunque per maggiori informazioni) vi rimando al sito ufficiale dell’evento.

Buon Festival a tutti!

Annunci

Il Raggio della Morte (Luch Smerti) – Lev Kulešov (1925)

Lev Kulešov viene giustamente ricordato per il suo grande contributo dato al cinema russo, ma anche internazionale, in particolare per i suoi studi relativi al montaggio. Per capire l’importanza di questo perosnaggi basti pensare che, tra i suoi allievi, figurarono nomi quali Sergej Ėjzenštejn. Presentarlo con questo film non è forse il modo migliore visto che Luch Smerti risulta essere nel complesso oscuro e poco piacevole, almeno per un pubblico moderno. La trama è frutto di un adattamento di Vsevolod Pudovkin (anche lui allievo di Kulešov) del racconto omonimo di Aleksej Nikolaevič Tolstoj.

Luch Smerti è di fatto una storia di spionaggio all’americana con una spruzzata di fantascienza. Un gruppo di fascisti/nazisti guidati dal perfido Padre Revo (Vsevolod Pudovkin) cerca di rubare un raggio mortale sovietico per scatenarlo contro gli ignari operai della fabbrica ‘Helium’. Il giovane rivoluzionario Thomas Lann (Sergei Komarov) accorrerà in loro aiuto…

Spiegare la trama nel dettaglio risulta praticamente impossibile: il film è costellato da scene altissima velocità condite da un numero imprecisato di personaggi spesso poco riconoscibili. Capire di quale fazione facciano parte diventa a volte quasi impossibile. Di certo quello che colpisce è proprio l’idea di movimento che accompagna tutto il film, caratterizzato da un ritmo incalzante, in alcuni tratti frenetico. Ma questo particolare, che probabilmente ne determinò anche il successo all’epoca, lo rende indigesto adesso anche in virtù della cattiva qualità della versione VHS da me visionata (che a quanto mi risulta è l’unica disponibile). Nel complesso il film è oscuro e lascia tantissimi punti interrogativi riguardo lo svolgimento degli avvenimenti che a tratti sembrano addirittura slegati tra loro. A complicare le cose bisogna ricordare che la prima e l’ultima parte del film sono mancanti. Spezzando una lancia a favore di Kulešov va detto che l’intento principale del regista era quello di sperimentare e certamente in questo vi riuscì perfettamente. Non penso ci sia molto di simile a questo nella produzione di quel periodo. Nel recità anche lo stesso Kulešov oltre che il grandissimo Pudovkin nel ruolo di uno splendido Padre Revo.

Per concludere possiamo sintetizzare dicendo che si tratta di un film di interesse principalmente per un pubblico specializzato, proprio per l’ampia sperimentazione nel montaggio. Per il resto del pubblico si tratta di un film decisamente indigesto, con una trama confusa e poco chiara difficilmente seguibile. La mancanza del finale, inoltre, lascia decisamente l’amaro in bocca.

Curiosità: nel film i nazisti sono chiamati di continuo ‘fascisti’. Va considerato come spesso all’estero, come appunto nelle zone dell’ex unione sovietica, il termine fascista venga utilizzato indistintamente per includere nazisti e fascisti.