Archive

Posts Tagged ‘Vsevolod Pudovkin’

Francesco Misiano: l’Italia e il Cinema Sovietico

Le incursioni estive di La Repubblica nel Cinema Muto, non sono finete con Elvira Cota Notari, il 17 Agosto è apparso questo interessante articolo su Francesco Misiano, “l’italiano della Potemkin” che ebbe un ruolo importantissimo per il cinema sovietico. Vi lascio all’articolo (qui nel suo formato originale) anche nella versione trascritta. Anche qui, essendo il formato del giornale più grande dell’A4 le colonne possono essere leggermente non coincidenti, il testo è comunque riportato integralmente. Buona lettura!

<

Il Fabbro e il Primo Ministro (Слесарь и канцлер) – Vladimir Gardin, Ol’ga Preobraženskaja (1923)

luglio 13, 2013 1 commento

Il Fabbro e il Primo Ministro è un film molto particolare specialmente se visto dal punto di vista sovietico. La storia si ispirava alla pièce teatrale di Anatolij Lunačarskij Kancler i slesar’ (Канцлер и слесарь), opportunamente adattata dallo stesso regista Vladimir Gardin assieme a Vsevolod Pudovkin. Il testo originale conteneva riferimenti ai moti rivoluzionari tedeschi del Novembre 1918, ma per la versione cinematografica si preferì prendere come punto di partenza la Rivoluzione Russa del Febbraio 1917. Alla co-regia venne presa Ol’ga Preobraženskaja, probabilmente curò il lavoro dei molti giovani attori che lavorarono per questa pellicola.

La Norlandia è governata da un Imperatore (Ivan Chudoleev) e dal Cancelliere Von Turau (Nikolaj Panov). Questi, per onorare una guerra che sta provocando il malcontento nella popolazione, invia i suoi due figli al fronte, ma entrambi perdono la vita tragicamente. L’impero è così costretto a nominare Ministro l’avvocato Frank Frei (Vladimir Maksimov), un socialista che non esita a piegarsi al potere abbagliato dai vantaggi del potere. Nascono così presto rivolte popolari. Secondo quanto riportato dalla Cineteca di Bologna il Fabbro Franz Stark (Nikolaj Sal’tykov), socialista puro e incorrutibile, viene infine nominato commissario del popolo.

Il film è purtroppo incompleto e non ci permette di vedere quello che doveva essere il finale. All’epoca venne fortemente criticato per via dello strano stile composito che univa impressionismo ed espressionismo, elementi ‘americani’ ed altri tipicamente russi. La trama, inoltre, venne reputata confusa e poco chiara. Visto oggi, invece, proprio questi elementi rendono questo film molto interessante ma in particolare sono alcune scene a colpire. La scena in cui muore il primo figlio del Cancelliere Von Turau, per esempio, vede il giovane esplodere letteralmente per via di una bomba lanciata da un elicoterro: sul campo rimane soltanto la testa del ragazzo, stranamente integra, e poco altro. Davvero bizzarra la scena dell’attentato dei rivoluzionari al treno in cui viaggia il secondo figlio del Cancelliere, che viene fatto esplodere ma che si trasforma da un ponte in cemento ad uno in ferro (sulla pagina della Cineteca ipotizzano si tratti di un prestito da un poliziesco americano). Non mancano scene ad alta tensione, come quella della ribellione degli operai a cui i soldati, per ordine dello stesso Ministro del Lavoro ex socialista Frank Frei, sparano senza pietà. Il personaggio di Frank Frei è una parodia di Aleksandr Kerenskij, Primo Ministro russo dopo la caduta dell’ultimo zar e immediatamente prima che i bolscevichi andassero al potere. Si tratta però in generale di un monito su come il potere può cambiare una persona anche se guidata da idee giuste. I personaggi principali sono tutti ben caratterizzati e si evolvono nel corso di tutta la vicenda. Il Fabbro e il Primo Ministro contiene insomma tantissimi elementi interessanti che andrebbero valorizzati e messi in evidenza. Peccato che ancora una volta questo film sia vittima del quasi totale oblio da parte di web e libri di testo non russi. Il Cinema Ritrovato 2013 ha avuto il merito di ridare la voce ad una produzione veramente interessante e degna di nota che speriamo possa essere presto oggetto di un’opera di distribuzione in formato digitale ad ampio raggio.

Approfondimenti: per ulteriori informazioni rimando all’articolo dedicato sul sito della Cineteca di Bologna.

Il Raggio della Morte (Luch Smerti) – Lev Kulešov (1925)

giugno 24, 2013 2 commenti

Lev Kulešov viene giustamente ricordato per il suo grande contributo dato al cinema russo, ma anche internazionale, in particolare per i suoi studi relativi al montaggio. Per capire l’importanza di questo perosnaggi basti pensare che, tra i suoi allievi, figurarono nomi quali Sergej Ėjzenštejn. Presentarlo con questo film non è forse il modo migliore visto che Luch Smerti risulta essere nel complesso oscuro e poco piacevole, almeno per un pubblico moderno. La trama è frutto di un adattamento di Vsevolod Pudovkin (anche lui allievo di Kulešov) del racconto omonimo di Aleksej Nikolaevič Tolstoj.

Luch Smerti è di fatto una storia di spionaggio all’americana con una spruzzata di fantascienza. Un gruppo di fascisti/nazisti guidati dal perfido Padre Revo (Vsevolod Pudovkin) cerca di rubare un raggio mortale sovietico per scatenarlo contro gli ignari operai della fabbrica ‘Helium’. Il giovane rivoluzionario Thomas Lann (Sergei Komarov) accorrerà in loro aiuto…

Spiegare la trama nel dettaglio risulta praticamente impossibile: il film è costellato da scene altissima velocità condite da un numero imprecisato di personaggi spesso poco riconoscibili. Capire di quale fazione facciano parte diventa a volte quasi impossibile. Di certo quello che colpisce è proprio l’idea di movimento che accompagna tutto il film, caratterizzato da un ritmo incalzante, in alcuni tratti frenetico. Ma questo particolare, che probabilmente ne determinò anche il successo all’epoca, lo rende indigesto adesso anche in virtù della cattiva qualità della versione VHS da me visionata (che a quanto mi risulta è l’unica disponibile). Nel complesso il film è oscuro e lascia tantissimi punti interrogativi riguardo lo svolgimento degli avvenimenti che a tratti sembrano addirittura slegati tra loro. A complicare le cose bisogna ricordare che la prima e l’ultima parte del film sono mancanti. Spezzando una lancia a favore di Kulešov va detto che l’intento principale del regista era quello di sperimentare e certamente in questo vi riuscì perfettamente. Non penso ci sia molto di simile a questo nella produzione di quel periodo. Nel recità anche lo stesso Kulešov oltre che il grandissimo Pudovkin nel ruolo di uno splendido Padre Revo.

Per concludere possiamo sintetizzare dicendo che si tratta di un film di interesse principalmente per un pubblico specializzato, proprio per l’ampia sperimentazione nel montaggio. Per il resto del pubblico si tratta di un film decisamente indigesto, con una trama confusa e poco chiara difficilmente seguibile. La mancanza del finale, inoltre, lascia decisamente l’amaro in bocca.

Curiosità: nel film i nazisti sono chiamati di continuo ‘fascisti’. Va considerato come spesso all’estero, come appunto nelle zone dell’ex unione sovietica, il termine fascista venga utilizzato indistintamente per includere nazisti e fascisti.

La febbre degli scacchi (Shakhmatnaya goryachka) – Vsevolod Pudovkin, Nikolai Shpikovsky (1925)

ottobre 28, 2011 Lascia un commento

Per pubblicizzare il Torneo Internazionale degli Scacchi avvenuto nel Novembre del 1925 a Mosca, venne affidato a Povkin e Shpikovsky  il compito di realizzare una piccola commedia sugli scacchi. Il risultato è un corto molto divertente in cui prendono parte, più o meno attivamente, diversi maestri dell’epoca tra cui spicca l’allora campione del mondo, il cubano Capablanca. Ovviamente non era possibile scomodare i giocatori durante le partite, e bisogna dire che essi appaiono decisamente concentrati nel loro gioco durante le riprese, allora si crearono due personaggi fittizi, due innamorati, la cui vita viene condizionata dalla febbre degli scacchi.

Un ragazzo (Vladimir Vogel) è talmente preso dalla sua passione per la scacchiera da dimenticare il matrimonio con la sua amata (Anna Zemtzova). Ogni cosa gli ricorda il suo gioco preferito e lo costringe a fermarsi e fare le sue mosse. Esasperata, la ragazza decide di lasciare il suo fidanzato e medita il suicidio. Ma il lieto fine è dietro l’angolo e, per assurdo, avviene grazie a Capablanca come vero e proprio deus ex machina. La ragazza, infatti, incontra per caso il campione che la fa appassionare al gioco degli scacchi. I due innamorati possono finalmente giocare insieme.

Questo piccolo corto, colpisce per la sua genuina comicità ed ironia. Grazie a trovate semplici e geniali, la storia fa venir voglia di cominciare una partita. “La febbre degli scacchi” è un’occasione unica per vedere i grandi campioni di scacchi del passato, prima dell’avvio del predominio russo iniziato con Alekhine nel 1927. In Italia il film è edito dalla Punto Zero assieme a “La Felicità” di Aleksandr Medvedkin.