Archivio

Archive for the ‘Eventi’ Category

Il Cinema Ritrovato 2019

Cinema_ritrovato2019Ed eccoci ad una nuova edizione del Cinema Ritrovato. Anche questa volta ho preparato il programma dei film muti che verranno proiettati durante la rassegna, in modo che chi, come noi, è appassionato possa avere un punto di riferimento definito senza stare a consultare di continuo il programma. Sarà, credo, un festival che Alessia ricorderà a lungo, visto che in un colpo solo si ritroverà a seguire una retrospettiva su Musidora e il serial “I Topi Grigi” che sarà proiettato nella evocativa cornice del Comema Modernissimo. Io personalmente avrò il piacere di vedere sul grande schermo l’edizione restaurata di Finis Terrae che Epstein ha dedicato alla mia terra di origine, la Bretagna.

Vi ricordo che sia io che Alessia scriveremo per Cinefilia Ritrovata e che sul sito della Cineteca di Bologna potete trovare il programma completo.

Buon Festival!

22/06
14.30 Sala Mastroianni – Colori ritrovati: dieci film 1896-1916
16.00 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Jean Renoir: La Petite marchande d’allumettes e Sur un air de Charleston (rep. 28/06)
17.00 Sala Mastroianni – 1899: Cinema anno quattro – International Mutoscope & Biograph
18:30 Sala Mastroianni – 1919: The Red Lantern
18.30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep.1/2 (rep. 23 e 24/06)

23/06
09.15 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 1 – Musidora: La Dixième muse (documentario)
09.30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 1 (replica)
11.00 Sala Mastroianni – 1919: Praesidenten (rep. 25/06)
14.30 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Paris qui dort (rep. 28/06)
16.10 Cinema Jolly – Fox Film Corporation 2 – 3 bad men
16.30 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 2 – la vagabonde (sonoro – rep 25/06)
18.30 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 3 – Les Vampires ep. 3
18:30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 3/4 (rep. 25/06)
22.15 Piazzetta Pier Paolo Pasolini – Ridateci Musidora 4 – Soleil et Ombre

24/06
09.00 Sala Mastroianni – 1919: Herr Arnes Pengar (rep. 29/06)
09.00 Cinema Jolly – Henry King – The Winning of Barbara Worth
09.30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 2 (replica)
10.00 Auditorium DAMSlab – Incontri sul restauro – The Thuillier Workshop: Coloring Films 1897-1912
11.15 Sala Mastroianni – 1919: la maschera e il volto (rep. 29/06)
14.30 Sala Mastroianni – 1919: Ritrovati e Restaurati – The Gilded Cage/Rosalind at Redgate
15.30 Sala Mastroianni – 1919: Historien om en gut
16.30 Sala Mastroianni – 1899: Una battuta di caccia al Bois-Boudran
17.20 Cinema Jolly – Henry King – Twin Kiddies
18.30 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 5 – La Tierra de los Toros
18.30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 1/2 (replica)
22.15 Piazzetta Pier Paolo Pasolini – Ritrovati e Restaurati – Sylvester

25/06
09.00 Sala Mastroianni – 1919: Praesidenten (replica)
09.30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 3/4 (replica)
11.00 Sala Mastroianni – 1919: Der Mädchenhirt
14.30 Sala Mastroianni – 1919: Tötet nicht mehr!
17.15 Sala Mastroianni – 1899: La notizia del secolo al cinema/Méliès (documentario)
18.15 Cinema Arlecchino – Ritrovati e Restaurati – Sången om den eldröda blomman (rep. 29/06)
19.00 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 5 (rep. 26/06)
21.00 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 2 – La vagabonde (sonoro – replica)
21.45 Piazza Maggiore – Buster Keaton! – The Cameraman

26/06
09.00 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Order na aresht (rep. 27/06)
09.30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 5 (replica)
10.00 Sala Mastroianni – 1919: Ditja Cuzogo
14.30 Sala Mastroianni – 1919: Anders als die Andern
18.00 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 6 – Pour Don Carlos (rep. 27/06)
19.00 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 6 (rep. 27/06)
22.15 Piazzetta Pier Paolo Pasolini – Colori e Crimini: Zigomar peau d’anguille

27/06
09.00 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 6 – Pour Don Carlos (replica)
09.30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 6 (replica)
11.00 Sala Mastroianni – 1919: Back to god’s country
14.30 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Film delle origini dalle collezioni dello
Svenska Filminstitutet
16.40 Cinema Jolly – Buster Keaton! – College
18.00 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 7 – Chacals
19.00 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 7 (rep. 28/06)
21.45 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Order na aresht (replica)
21.45 Piazza Maggiore – Ritrovati e Restaurati – The Circus

28/06
09.00 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Paris qui dort+Renoir (replica)
09.00 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 7 (replica)
11.00 Sala Mastroianni – 1919: Kaliya Mardan
14.30 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Finis Terrae (rep. 29/06)
16.30 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 8 – Judex
17.00 Cinema Jolly – Buster Keaton! – The Haunted House
18.30 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 9 – Les Vampires ep. 6
19.00 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 8 (rep. 29/06)
21.30 Sala Mastroianni – Fox Film Corporation 2 – Street Angel (rep. 29/06)

29/06
09.00 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Finis Terrae (replica)
09.30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 8 (replica)
11.00 Sala Mastroianni – 1919: Herr Arnes Pengar (replica)
11.15 Cinema Jolly – Fox Film Corporation 2 – Street Angel (replica)
14.30 Sala Mastroianni – 1919: la maschera e il volto (replica)
18.15 Cinema Jolly – Buster Keaton! – My Wife’s relations
18.15 Sala Malstroianni – Ritrovati e Restaurati – Sången om den eldröda blomman (replica)
21.30 Sala Mastroianni – Buster Keaton! – College

Legenda:
Cinema Lumière, via Azzo Gardino 65:
Piazzetta Pier Paolo Pasolini – Numero di posti: ?
Sala Mastroianni – Numero posti: 174
Sala Scorsese – Numero posti: 144
Auditorium DAMSlab – Numero posti: 216

Cantiere Modernissimo – Via Rizzoli 1/2 – Numero posti: ?
Sala Cervi – via Riva di Reno, 72 – Numero posti: 44
Cinema Jolly – via Marconi, 14 – Numero posti: 362
Cinema Arlecchino – via Lame, 57 – Numero posti: 450

Programma Cinema Ritrovato 2018

il-cinema-ritrovato-bologna-23-giugno-1-luglio-2018Il Cinema Ritrovato 2018 è ormai alle porte e con la pubblicazione del programma generale torna la nostra consuetudine di pubblicare quello dei soli film muti della rassegna. Tra le notizie più belle sicuramente quella dell’apertura del Cantiere Modernissimo, ovvero l’ex Cinema Modernissimo che nonostante sia ancora in fase di restauro verrà usato ogni giorno per la proiezione dei film del progetto MultiFlix (Wolves of Kultur). Per il resto la Sala Mastroianni si conferma la casa di ogni amante del muto. Da segnalare anche le serali, davvero ricche tra Piazza Maggiore e l’ormai immancabile appuntamento in Piazzetta Pasolini con la lanterna a carbone. Ovviamente noi racconteremo tutto sia qui che su Cinefilia Ritrovata, che questa volta ospita sia me che Alessia. Per ulteriori informazioni vi consiglio di scaricare il programma completo.

23/06
12.00 Cantiere Modernissimo – Wolves of Kultur 1 – The Torture Trap (Rep. ore 19.30)
15.45 Sala Mastroianni – Arrigo Frusta: L’officina della scrittura 1 – Raggio di Sole/Siegfried
17.45 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Segundo de Chomón (rep. 27/06)
18.30 Sala Mastroianni – Napoli che canta 1 – The Tarantella/Neapolitan dance
19.30 Cantiere Modernissimo – Wolves of Kultur 1 – The Torture Trap (replica)
21.30 Sala Mastroianni – Pina Menichelli – La moglie di Claudio (rep. 28/06)

24/06
09.00 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Les Deux Timides (rep. 29/06)
09.00 Cantiere Modernissimo – Wolves of Kultur 2/3 -The Iron Chair/Trapping the traitors (rep. 19.00)
10.30 Sala Mastroianni – 1918: Guerra e Politica – Charlot Soldato (rep. 30/06)
11.45 Sala Mastroianni – Avvento film di avventura – Gerusalemme liberata
14.30 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Shiraz: A Romance of India (rep. 30/06)
16.30 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Vita a Venezia
17.45 Sala Mastroianni – W.K.L. Dickson e il Mutoscope & Biograph Syndicate
18.30 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Der Fall Rosentopf/Grafin Kuchenfee/Puppchen (rep. 30/06)
19.00 Cantiere Modernissimo – Wolves of Kultur 2/3 -The Iron Chair/Trapping the traitors (replica)
21.45 Piazza Maggiore – Ritrovati e Restaurati – Rosita e Entr’acte

25/06
09.00 Sala Mastroianni – 1918: Stelle cadenti e bombe a mano (rep. 28/06)
09.00 Cantiere Modernissimo – Wolves of Kultur 4/5 -The Ride to Deaths/Through the Flames (rep. 19.00)
10.15 Sala Mastroianni – Avvento film di avventura 2 – Il gioiello di Khama
12.00 Sala Mastroianni – 1918 – La Russia avan-avanguardia – Baryshyna I Chuligan
14.30 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Christian Wahnschaffe pt.1
16.00 Sala Mastroianni – La donna con la Kinamo: Ella Bergmann-Michel
17.45 Sala Mastroianni – 1898 – Lumière locale: Kríženecký a Praga
18.30 Sala Mastroianni – Napoli che canta 2 – è piccerella (rep. 28/06)
19.00 Cantiere Modernissimo – Wolves of Kultur 4/5 -The Ride to Deaths/Through the Flames (replica)
22.15 Piazzetta Pier Paolo Pasolini – Proiezione con lanterna a carbone – Napoli che canta 3 – Un amore selvaggio/Fantasia ‘e surdato

26/06
09.00 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Christian Wahnschaffe pt.2
09.00 Cantiere Modernissimo – Wolves of Kultur 6/7 -Trails of Treachery/The Leap of Despair (rep. 19.00)
10.30 Sala Mastroianni – Avvento film di avventura 3 – Tarzan of the Apes
11.45 Sala Mastroianni – Professione: Film director – Woman
14.30 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Lights of Old Broadway
16.15 Sala Mastroianni – La donna con la Kinamo: Ella Bergmann-Michel
17.00 Sala Cervi – Cinema Ritrovato Kids – Omaggio ad Osvaldo Cavandoli: Antenati ed eredi de La Linea
18.30 Sala Mastroianni – Napoli che canta 4 – Vedi Napule e po’ mori!
19.00 Cantiere Modernissimo – Wolves of Kultur 6/7 -Trails of Treachery/The Leap of Despair (replica)
22.15 Piazzetta Pier Paolo Pasolini – Napoli che canta 5 – Naples au Baiser de Feu

27/06
09.00 Sala Mastroianni – Segundo de Chomón (rep. 23/06)
09.00 Cantiere Modernissimo – Wolves of Kultur 8 – In the Hands of the Hun (rep. 19.00)
10.00 Sala Mastroianni – 1918: Profession Film Director – Ucitel Orientalinich Jazyku
11.45 Sala Mastroianni – 1918: Apogeo del Diva film – L’Avarizia
14.30 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Rue de la paix
16.15 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Salon de Lectures: Ames de fous
16.15 Auditorium DAMSlab – Documenti e Documentari – Sydney: the other Chaplin
19.00 Cantiere Modernissimo – Wolves of Kultur 8 – In the Hands of the Hun (replica)
21.30 Sala Mastroianni – 1918: Lyda Borelli si ritira – Carnevalesca
21.45 Piazza Maggiore – Ritrovati e Restaurati – 7th Heaven

28/06
09.00 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Lights of old Broadway
09.00 Cantiere Modernissimo – Wolves of Kultur 9/10/11 (rep. 19.00)
10.30 Sala Mastroianni – 1918: Stelle cadenti e bombe a mano (rep 25/06)
11.45 Sala Mastroianni – 1918: Apogeo del diva film – La Moglie di Claudio (rep. 23/06)
14.30 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Émile Cohl Nuovi restauri
15.15 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati –Marey, Painlevé, Mol tra Scienza e Avanguardia
16.00 Sala Mastroianni – Arrigo Frusta: L’officina della scrittura 2 – Spergiure
17.45 Sala Mastroianni – 1898: Science and Science Fiction/ Méliès e l’arte del meraviglioso/vedute Lumière
18.30 Sala Mastroianni – 1918: Star Dust – Bany Titka pt1
19.00 Cantiere Modernissimo – Wolves of Kultur 9/10/11 (replica)
21.30 Sala Mastroianni – Napoli che canta 2 – è piccerella (rep. 25/06)

29/06
09.00 Sala Mastroianni – 1918: Star Dust – Bany Titka pt. 2
09.00 Cantiere Modernissimo – Wolves of Kultur 12/13 – Tower of Tears/The Hun’s Hell Trap (rep. 19.00)
10.45 Sala Mastroianni – 1918: Bergman 100 – Nattliga Toner
12.00 Sala Mastroianni – 1918: War and Politics – Revolutionens Datter
14.30 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Les Deux Timides (Rep. 24/06)
16.00 Sala Mastroianni – Arrigo Frusta: L’officina della scrittura 3
17.45 Sala Mastroianni – Directing films in 1898: Hatot e Breteau
18.30 Sala Mastroianni – Progetto Keaton – Go West
19.15 Sala Scorsese – Seconda utopia: 1934 – Naslednyk Princ Respubliki
19.00 Cantiere Modernissimo – Wolves of Kultur 12/13 – Tower of Tears/The Hun’s Hell Trap (replica)
22.15 Piazzetta Pier Paolo Pasolini– Napoli che canta 6 – ‘ A Santanotte

30/06
09.00 Sala Mastroianni – Arrigo Frusta: L’officina della scrittura 4
09.00 Cantiere Modernissimo – Wolves of Kultur 14/15 – Code of Hate/Reward of Patriotism (rep. 19.00)
11.00 Sala Mastroianni – 1918 – Otec Sergij
11.00 Sala Cervi – Workshop – Arrigo Frusta: storia e metodo di lavoro
14.30 Sala Mastroianni – Alla ricerca del colore dei film: Kinemacolor
15.15 Sala Mastroianni – 1918: Restaurati Muti – Der Fall Rosentopf/Charlot Soldato (rep 24/06)
16.15 Auditorium DAMSlab – Lezione di Cinema – Napoli che canta
16.45 Sala Mastroianni – Arrigo Frusta: L’officina della scrittura 5 – Santarellina
17.30 Auditorium DAMSlab – Documenti e Documentari – Douglas Fairbanks
18.15 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Two Early Disney from Norvegia/Progetto Keaton – The Navigator
18.15 Sala Scorsese – Seconda utopia: 1934 – Pridanoe Zuzuny
19.00 Cantiere Modernissimo – Wolves of Kultur 14/15 – Code of Hate/Reward of Patriotism (replica)
21.30 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Shiraz: A Romance of India (rep 24/06)

Legenda:
Cinema Lumière, via Azzo Gardino 65:
Piazzetta Pier Paolo Pasolini – Numero di posti: ?
Sala Mastroianni – Numero posti: 174
Sala Scorsese – Numero posti: 144
Auditorium DAMSlab – Numero posti: 216

Cantiere Modernissimo – Via Rizzoli 1/2 – Numero posti: ?
Sala Cervi – via Riva di Reno, 72 – Numero posti: 44

The Crowd: resoconto della serata

Mag 2, 2015 1 commento

the-crowdDue gruppi di appassionati che nello stesso luogo, il cineclub Detour, organizzano rassegne di film non contemporanei, non potevano non incontrarsi se ad essere proiettato era La folla di King Vidor, un muto del 1928, simbolo e capostipite di tanto cinema sociale a venire. Nella nostra rassegna stiamo esplorando proprio quegli anni di transizione dal muto al sonoro, quando il cinema muto aveva raggiunto il suo acme espressivo e formale ma allo stesso tempo stava per essere soppiantato dalla nuova tecnologia dei talkies. Così quando ViSiOnI ci ha chiesto di incrociare i nostri percorsi e collaborare all’organizzazione della serata non abbiamo esitato.

Purtroppo l’allerta meteo, che anche stavolta ha coinciso col giorno di proiezione, ha limitato la partecipazione di pubblico ma è stato un incontro tutt’altro che infruttuoso.
Dopo chiacchiere informali nel foyer del Detour prima della proiezione il nostro Yann ha introdotto ai “Visionari” il blog E Muto Fu, le nostre attività e lo spirito che ci anima. Successivamente abbiamo cercato di avvicinarli al mondo di King Vidor, ai suoi temi e alla sua carriera, grazie ad un video estrapolato dal fantastico The Story of Film di Mark Cousins, a fotogrammi tratti da più film della cinematografia vidoriana, locandine e grazie anche all’ascolto di un estratto della Sinfonia n. 6 di Čajkovskij, la Pathétique, che ispirò molto Vidor e collaboratori durante la realizzazione di The Crowd.

Abbiamo anche provato a instaurare ponti tra il film di Vidor e opere successive in cui sono state riprese alcune scene, come quella celebre delle scrivanie tutte uguali tra le quali quella del protagonista (Wilder, Welles), o situazioni simili (Ozu, De Sica), e ad analizzare alcune sequenze, in particolare quella successiva alla morte del padre del protagonista ed il finale, quello scelto tra i sette proposti dalla MGM con “diverse sfumature di ottimismo”.

L’edizione proiettata è stata quella realizzata nel 2007 dalla NoShame Films, nella quale ad un video discreto si affiancava un’accompagnamento musicale un po’ troppo presente, che tendeva a distrarre più che a commentare le scene. Per godere al meglio della grande opera di Vidor continuiamo a preferire l’accompagnamento di Carl Davis realizzato per il restauro del 1981, nell’attesa che si confermino le voci di una edizione Criterion che finalmente ridarebbe a The Crowd la fruizione che gli spetta.

Ci auguriamo di poter in futuro incrociare nuovamente la nostra strada con quella di ViSiOnI, per ora vi aspettiamo il 20 Maggio con un classico della comicità statunitense: The cameraman (1928) di Edward Sedgwick e Buster Keaton.

Vi lasciamo con una curiosità. Non era una pratica così rara nel periodo del muto riutilizzare in un film materiale già girato per un’altra opera della stessa casa di produzione. La MGM attinse a piene mani dalle scene che ne La Folla ritraevano la città New York. Nell’ultimo lungometraggio americano con Buster Keaton protagonista What! No beer? (1933) realizzato dalla stessa MGM appaiono due scene tratte dal filmato per The Crowd, compresa la celebre scena delle scrivanie. Quale collegamento migliore per proseguire il nostro percorso in direzione Keaton?

Editors-Pick-The-Crowd

E Muto Fu presenta: La Lettera Scarlatta (The Scarlet Letter) – Victor Sjöström (1926)

Eccoci al nostro terzo appuntamento con le proiezioni mute al Cineclub Detour di Roma. Il film di questa volta merita davvero ed è The Scarlet Letter del 1926, ultima trasposizione muta del romanzo di Nathaniel Hawthorne. Il regista non è certo un personaggio qualunque, Victor Sjöström, o Seastrom come veniva chiamano oltreoceano, era considerato all’epoca uno dei dieci migliori registi in assoluto. E come dargli torto? La MGM ebbe un grande merito all’epoca, ed è quello di aver accolto Mr. Seastrom con tutti gli onori ed avergli dato relativa carta bianca. E si vede! Sebbene il film abbia un’ambientazione molto americana, non si possono non notare analogie con le precedenti produzioni svedesi del regista. Gli venne inoltre concesso l’amico e connazionale Lars Hanson come attore principale, e Lillian Gish nel ruolo di Hester Prynne, la protagonista della vicenda. Pare che inizialmente Sjöström non impazzisse all’idea di avere la Gish nel cast perché aveva la fama di essere una prima donna, fredda e inavvicinabile. E invece il loro rapporto fu davvero idilliaco: la stella statunitense si lasciò condurre docilmente e in The Scarlet Letter e nel successivo The Wind (1928) fu protagonista di due delle sue migliori interpretazioni in assoluto. Sjöström fece anche una ripresa considerata all’avanguardia in America, osò riprendere in carrellata la Gish e Lars Hanson. In Svezia aveva già usato questo trucco, ma per il cinema statunitense era una novità che stupì favorevolmente il pubblico. Se volete saperne di più potete consultare la recensione del film.

Insomma come avrete capito ci sono tutti gli elementi per una bella serata in compagnia. Non mancate quindi Giovedì 9 Aprile alle 20.30 presso il Cineclub Detour di Via Urbana 107. Al termine della proiezione inizierà un dibattito. Questa volta faremo un video confronto con tre versioni sonore del film:

The Scarlet Letter (1934), regia di Robert G. Vignola, con Colleen Moore e Hardie Albright.
Der scharlachrote Buchstabe (1973), regia di Wim Wenders, con Senta Berger.
The Scarlet Letter (1995), regia di Roland Joffé, con Demi Moore, Gary Oldman e Robert Duvall.

La seconda parte sarà una retrospettiva sull’attrice Premio Oscar Lillian Gish e su Victor Sjöström. Inoltre per accompagnare la proiezione stiamo svolgendo il progetto Victor Sjöström che prevede una pubblicazione al giorno fino alla data della proiezione.

Costo del biglietto 5€ intero e 3€ ridotto per studenti. Per accedere è necessario iscriversi al Cineclub (la tessera ha validità annuale) ad un costo di 3€ intero e 2€ ridotto studenti. All’interno del Cineclub è presente un bar che vende bevande alcoliche e analcoliche a prezzi contenuti.

Abbiamo bisogno di voi! Purtroppo se il riscontro non sarà alto la nostra avventura potrebbe già finire. Se siete interessati ma non potete venire condivedete l’iniziativa. Potete farlo invitando i vostri amici all’evento facebook, oppure inviando a chi volete la nostra locandina o, infine, stampando la nostra brochure e distribuendola e librerie o luoghi che considerati adatti allo scopo. 

Grazie a tutti, spero ci vedremo Giovedì al Cineclub Detour!

L’Uomo che ride: resoconto della seconda serata di cineforum

Prima di tutto ringraziamo nuovamente gli spettatori, che sono venuti nonostante il tempo incerto. GRAZIE MILLE! Non possiamo che ringraziare anche il Cineclub Detour per averci ospitati, ma soprattutto per averci aiutato a superare i mille problemi di ogni tipo che in una girandola di eventi sfortunati ci sono capitati. Prima l’assenza di uno di noi, poi problemi di connessione con il pc per la proiezione dei video del dibattito. Inutile dire che ci siamo attrezzati affinché non accadano più.

La serata è iniziata seguendo lo stesso schema della volta passata: dopo una breve presentazione è stato proiettato il film della serata, The Man Who Laughs di Paul Leni (1928). Subito dopo la serata si è accesa. Dopo aver discusso brevemente sul film, abbiamo presentato i videoconfronti che avevamo preparato precedentemente tra le differenti versioni del film: L’Uomo che ride di Corbucci (1966), lo sceggiato televisivo in tre puntate L’Homme qui rit di Jean Kerchbron (1971) e per ultimo il film omonimo di Jean-Pierre Améris. Abbiamo scelto delle scene chiave per vedere come erano state rese nelle diverse epoche e ovviamente con strumenti differenti. Generalmente il pubblico ha giudicato più efficace nel trassmettere emozioni la versione muta. Abbiamo poi deciso di mettere in atto una piccola provocazione: come alcuni di voi sapranno, inizialmente Carl Laemmle, produttore del film, aveva pensato a Lon Chaney per interpretare il ruolo di Gwynplaine continuando la tradizione dei film Universal iniziata con Il Gobbo di Notre-Dame (1923) e de Il Fantasma dell’Opera (1925). L’attore era però passato alla MGM, così Lemmle pensò a Leni ricordandosi quanto aveva apprezzato Il Gabinetto delle figure di cera (1924) in cui recitava tra l’altro anche Conrad Veidt, protagonista del nostro film. Alla luce di tutto questo abbiamo pensato a come sarebbe stato il film se Lon Chaney avesse interpetato L’Uomo che ride al posto di Veidt. Abbiamo selezionato delle scene in cui l’attore tedesco mostrava la propria disperazione nonostante il suo eterno sorriso e le abbiamo paragonate a scene analoghe in Colui che prende gli schiaffi (1924) e Ridi pagliaccio, ridi (1928) di Lon Chaney. Per ultimo ci siamo concentrati sulla genesi di Joker, antagonista di Batman, la cui fisionomia è tratta proprio dal protagonista del film. Abbiamo evidenziato come l’influenza sia stata reciproca, anche guardando delle brevissime clip video relative ai film o alla serie tv che vedono il Joker protagonista. Il tutto si è chiuso ritornando a l’Uomo che ride, visto che quello del 2012, specie in alcune scene, sembra essere un miscuglio tra il Joker di Jack Nicholson (1989) e quello di Heath Ledger (2008). La serata è terminata in allegria con una bella chiaccherata collettiva al bar del Cineclub.

Siamo ora nella sezione anteprima. Giovedì 9 Aprile alle ore 20.30 presso il Cineclub Detour di Via Urbana 107 (Roma) proietteremo The Scarlet Letter di Victor Sjöström (1926) con Lillian Gish e Lars Hanson. Ricordiamo ancora una volta che il piatto forte sarà però il post proiezione. Questa volta ci concentreremo sui differenti adattamenti del film, in particolare sonori. Poi ci imbarcheremo in una visione retrospettiva di Lillian Gish per approdare infine ad un’analisi sulle opere di Victor Sjöström, regista che molti conosceranno anche solo per la sua interpretazione ne Il posto delle fragole (Smultronstället) di Bergman (1957). Insomma ce n’è per tutti i gusti quindi vi invitiamo a non mancare. Prossimamente pubblicheremo un articolo interamente dedicato all’evento, intanto vi rimando al Progetto Victor Sjöström che abbiamo inaugurato per l’occasione. Per rimanere aggiornati non dimenticate di seguirci anche attraverso la nostra pagina facebook!

E Muto Fu presenta: The Man who Laughs – Paul Leni (1928)

Dopo Blackmail di Hitchock siamo lieti di presentare il secondo film in programma per il nostro progetto sul grande schermo!

Giovedì 26 Marzo alle ore 20.30 presso il Cineclub Detour (via Urbana 107) proietteremo The Man who Laughs (L’Uomo che ride) di Paul Leni. Questo è un film a cui personalmente sono molto legato perché è stato il primo di cui feci la recensione su E Muto Fu. Il punto forte della serata sarà, ancora una volta, il dibattito post-proiezione. Questa volta ci occuperemo di fare un confronto con il romanzo di Victor Hugo ma anche e sopratutto con le altre trasposizioni cinematografiche e televisive. Visto che le versioni mute sono introvabili o perdute daremo comunque spazio al muto con una piccola sorpresa per tutti gli amanti di Lon Chaney. Infine, quando si pensa all’Uomo che ride di Conrad Veidt non si può non pensare a Joker, l’antagonista di Batman più noto e amato in assoluto. Daremo così spazio al fumetto ma anche ai film per vedere come i personaggi si siano influenzati a vicenda nel corso degli anni. Daremo infine anche un piccolo spazio ai grandi maestri del cinema teutonico trasferitisi in Germania.

l prezzo del biglietto è: 5€ il biglietto intero e 3€ per gli studenti mostrando il tesserino universitario. Oltre a questo è necessario sottoscrivere un’iscrizione valida per un anno solare dal costo di 3€ a prezzo pieno e 2€ per gli studenti. Diciamo che per chi viene per la prima volta al cineclub Detour il costo è di 8€ intero e di 5€ per gli studenti. All’interno del cineclub è presente un bar dove poter acquistare cibo e bevande.

Aiutateci a portare il cinema muto a Roma! Potete farlo venendo in sala il 26 Marzo o anche solo condividendo a tutti i vostri amici l’evento Facebook o la locandina dell’evento. Potete anche stampare la locandina in bianco e nero ed appenderla dove volete per dare maggiore visibilità all’evento.

Grazie a tutti, ci vediamo…al cinema!

Yann Esvan

Blackmail: resoconto della prima serata di cineforum

E proiezione fu. Innanzitutto, un gigantesco GRAZIE! agli spettatori che, sfidando la pioggia e le incertezze del caso, sono venuti martedì sera al cineclub Detour, per sostenere un progetto che ci ha visto impegnati a lungo: la vostra presenza e il vostro calore ci ha ripagato di tutto! In seconda battuta, un sentito ringraziamento va di diritto al cineclub Detour, che ha creduto al nostro progetto e ci ha dato carta bianca per realizzarlo: con voi abbiamo iniziato uno splendido viaggio che speriamo possa durare ancora a lungo.

Andiamo per ordine. Dopo settimane di affissioni, sessioni serali di Photoshop, pubblicità sul web, ma soprattutto reperimento e studio di articoli e monografie, traduzione dei sottotitoli, preparazione di clip video e chi più ne ha più ne metta, finalmente siamo giunti a questa fatidica serata. Il maltempo con tanto di allerta meteo ci avevano fatto pensare al peggio e invece è successo l’impensabile: delle persone hanno risposto al nostro appello, e quante persone!  In sala c’erano tra i venti e i trenta spettatori, un risultato che ci ha lasciato davvero a bocca aperta considerando che era solo il primo appuntamento. Ad aprire la serata, una breve presentazione del progetto, curata – com’è giusto che fosse – dal fondatore del presente blog, Yann Esvan, a cui è seguita un’introduzione dello stesso Yann sul regista e sul cinema britannico dell’epoca. Subito dopo abbiamo proiettato il film che, com’era prevedibile, è stato salutato dagli applausi del pubblico (Hitch non perdona). Dopo la proiezione abbiamo inaugurato la fase che ci stava più a cuore, ovvero il dibattito: Esse, nelle vesti di moderatrice, ha cercato di stimolare gli spettatori chiedendo loro cosa li avesse colpiti del film, in positivo o in negativo, e se lo avessero trovato straniante o simile rispetto ai film di oggi. A rinfocolare la discussione, una serie di clip predisposte da Yann ed Erasmo, in cui abbiamo messo a confronto le scene chiave del film nella versione muta e sonora. Di seguito, potete vederne un esempio:<

<

Grazie a queste, abbiamo osservato in diretta come influissero nella realizzazione dell’opera le differenti edizioni, e ci siamo poi interrogati su quale fosse la soluzione di maggiore impatto per lo spettatore. Il pubblico, composto da cinefili e curiosi, ha risposto con calore alle nostre sollecitazioni, motivandoci a proseguire la rassegna che d’ora in poi acquisterà una maggiore regolarità: il prossimo appuntamento si terrà il 26 Marzo alle ore 20.30 e il film in programma è The Man Who Laughs (L’Uomo che ride) di Paul Leni (1928), con Conrad Veidt e Mary Philbin. Dopo la proiezione apriremo anche stavolta un dibattito, confrontando il film con il romanzo di Victor Hugo da cui è stato tratto; analizzeremo poi l’evoluzione iconografica del personaggio di Gwynplaine che, come forse saprete, ha ispirato il personaggio del Joker (ormai un punto fermo della cultura a fumetti). Infine, faremo confronti tra le diverse trasposizioni cinematografiche de L’Uomo che ride, per osservare le trasformazioni di questo personaggio nel corso dei decenni. Per il momento è tutto; ci vediamo il 26, tutti in sala a vedere L’Uomo che ride!