Archivio

Posts Tagged ‘Emilio Ghione’

Il Cinema Ritrovato 2019

Cinema_ritrovato2019Ed eccoci ad una nuova edizione del Cinema Ritrovato. Anche questa volta ho preparato il programma dei film muti che verranno proiettati durante la rassegna, in modo che chi, come noi, è appassionato possa avere un punto di riferimento definito senza stare a consultare di continuo il programma. Sarà, credo, un festival che Alessia ricorderà a lungo, visto che in un colpo solo si ritroverà a seguire una retrospettiva su Musidora e il serial “I Topi Grigi” che sarà proiettato nella evocativa cornice del Comema Modernissimo. Io personalmente avrò il piacere di vedere sul grande schermo l’edizione restaurata di Finis Terrae che Epstein ha dedicato alla mia terra di origine, la Bretagna.

Vi ricordo che sia io che Alessia scriveremo per Cinefilia Ritrovata e che sul sito della Cineteca di Bologna potete trovare il programma completo.

Buon Festival!

22/06
14.30 Sala Mastroianni – Colori ritrovati: dieci film 1896-1916
16.00 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Jean Renoir: La Petite marchande d’allumettes e Sur un air de Charleston (rep. 28/06)
17.00 Sala Mastroianni – 1899: Cinema anno quattro – International Mutoscope & Biograph
18:30 Sala Mastroianni – 1919: The Red Lantern
18.30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep.1/2 (rep. 23 e 24/06)

23/06
09.15 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 1 – Musidora: La Dixième muse (documentario)
09.30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 1 (replica)
11.00 Sala Mastroianni – 1919: Praesidenten (rep. 25/06)
14.30 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Paris qui dort (rep. 28/06)
16.10 Cinema Jolly – Fox Film Corporation 2 – 3 bad men
16.30 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 2 – la vagabonde (sonoro – rep 25/06)
18.30 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 3 – Les Vampires ep. 3
18:30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 3/4 (rep. 25/06)
22.15 Piazzetta Pier Paolo Pasolini – Ridateci Musidora 4 – Soleil et Ombre

24/06
09.00 Sala Mastroianni – 1919: Herr Arnes Pengar (rep. 29/06)
09.00 Cinema Jolly – Henry King – The Winning of Barbara Worth
09.30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 2 (replica)
10.00 Auditorium DAMSlab – Incontri sul restauro – The Thuillier Workshop: Coloring Films 1897-1912
11.15 Sala Mastroianni – 1919: la maschera e il volto (rep. 29/06)
14.30 Sala Mastroianni – 1919: Ritrovati e Restaurati – The Gilded Cage/Rosalind at Redgate
15.30 Sala Mastroianni – 1919: Historien om en gut
16.30 Sala Mastroianni – 1899: Una battuta di caccia al Bois-Boudran
17.20 Cinema Jolly – Henry King – Twin Kiddies
18.30 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 5 – La Tierra de los Toros
18.30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 1/2 (replica)
22.15 Piazzetta Pier Paolo Pasolini – Ritrovati e Restaurati – Sylvester

25/06
09.00 Sala Mastroianni – 1919: Praesidenten (replica)
09.30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 3/4 (replica)
11.00 Sala Mastroianni – 1919: Der Mädchenhirt
14.30 Sala Mastroianni – 1919: Tötet nicht mehr!
17.15 Sala Mastroianni – 1899: La notizia del secolo al cinema/Méliès (documentario)
18.15 Cinema Arlecchino – Ritrovati e Restaurati – Sången om den eldröda blomman (rep. 29/06)
19.00 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 5 (rep. 26/06)
21.00 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 2 – La vagabonde (sonoro – replica)
21.45 Piazza Maggiore – Buster Keaton! – The Cameraman

26/06
09.00 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Order na aresht (rep. 27/06)
09.30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 5 (replica)
10.00 Sala Mastroianni – 1919: Ditja Cuzogo
14.30 Sala Mastroianni – 1919: Anders als die Andern
18.00 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 6 – Pour Don Carlos (rep. 27/06)
19.00 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 6 (rep. 27/06)
22.15 Piazzetta Pier Paolo Pasolini – Colori e Crimini: Zigomar peau d’anguille

27/06
09.00 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 6 – Pour Don Carlos (replica)
09.30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 6 (replica)
11.00 Sala Mastroianni – 1919: Back to god’s country
14.30 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Film delle origini dalle collezioni dello
Svenska Filminstitutet
16.40 Cinema Jolly – Buster Keaton! – College
18.00 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 7 – Chacals
19.00 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 7 (rep. 28/06)
21.45 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Order na aresht (replica)
21.45 Piazza Maggiore – Ritrovati e Restaurati – The Circus

28/06
09.00 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Paris qui dort+Renoir (replica)
09.00 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 7 (replica)
11.00 Sala Mastroianni – 1919: Kaliya Mardan
14.30 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Finis Terrae (rep. 29/06)
16.30 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 8 – Judex
17.00 Cinema Jolly – Buster Keaton! – The Haunted House
18.30 Sala Mastroianni – Ridateci Musidora 9 – Les Vampires ep. 6
19.00 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 8 (rep. 29/06)
21.30 Sala Mastroianni – Fox Film Corporation 2 – Street Angel (rep. 29/06)

29/06
09.00 Sala Mastroianni – Ritrovati e Restaurati – Finis Terrae (replica)
09.30 Cantiere Modernissimo – I Topi Grigi – Ep. 8 (replica)
11.00 Sala Mastroianni – 1919: Herr Arnes Pengar (replica)
11.15 Cinema Jolly – Fox Film Corporation 2 – Street Angel (replica)
14.30 Sala Mastroianni – 1919: la maschera e il volto (replica)
18.15 Cinema Jolly – Buster Keaton! – My Wife’s relations
18.15 Sala Malstroianni – Ritrovati e Restaurati – Sången om den eldröda blomman (replica)
21.30 Sala Mastroianni – Buster Keaton! – College

Legenda:
Cinema Lumière, via Azzo Gardino 65:
Piazzetta Pier Paolo Pasolini – Numero di posti: ?
Sala Mastroianni – Numero posti: 174
Sala Scorsese – Numero posti: 144
Auditorium DAMSlab – Numero posti: 216

Cantiere Modernissimo – Via Rizzoli 1/2 – Numero posti: ?
Sala Cervi – via Riva di Reno, 72 – Numero posti: 44
Cinema Jolly – via Marconi, 14 – Numero posti: 362
Cinema Arlecchino – via Lame, 57 – Numero posti: 450

Dollari e fracks (Emilio Ghione, 1919)

1921m-dollari-e-fraks-e.-ghione-19

Inizialmente diviso in quattro episodi, La X di un delitto, La mano guantata, I quaranta pugnali, La sedia elettrica, a tutt’oggi ci rimane solamente un frammento di durata non superiore ai dieci minuti dell’ultimo episodio di cui faccio qualche osservazione.

L’azione della censura fu in Dollari e fracks massiccia e particolarmente esigente e molti altri imprevisti ne rallentarono la produzione; nelle ultime pagine di Memorie e Confessioni (15 anni d’Arte Muta) (le memorie pubblicate a puntate dallo stesso Ghione sulla rivista “Cinemalia” dal 1928 al 1929), ad esempio,vi è un aneddoto che coincide con gli ultimi quadri di La sedia elettricae che illustra gli ultimi e faticosi momenti di lavorazione. Il ruolo del Gran Paralitico, villain di Dollari e fracks, affidato ad Amilcare Taglienti, è per Ghione inizialmente motivo di orgoglio, in quanto ritiene Taglienti perfetto per quella parte. L’improvvisa richiesta di Taglienti di un aumento di stipendio, per conto di Enrico Fiori, manda Ghione su tutte le furie e, con una punta di orgoglio che sempre lo contraddistingue, decide che La sedia elettrica può benissimo essere conclusa anche senza di lui. Per questo motivo lo sostituisce brutalmente con un fantoccio, facendo morire il Gran Paralitico, eppure inspiegabilmente Taglienti avrà parti importanti in Senza pietà (1921) e La Maga e il Grifo (1922). Secondo Vittorio Martinelli vi sarebbe dovuta essere una risoluzione finale tra il GranParalitico e Za la Mort. Ciò non avviene, chiaramente, anzi, gli ultimi quadri mostrano Za la Mort di spalle, barcollante, con le mani al cielo in campo medio in una scena con camera fissa dalla durata di ben quindici secondi.

dollariefracksCon un Ghione visibilmente invecchiato, dal sorriso tirato, non più spontaneo e dai movimenti molli, non più rigidi e scattanti, tipici dell’andatura felina da apache, Dollari e Fracks dichiara la stanchezza di trovarsi e riconoscersi nei panni di Za la Mort, come d’altronde afferma in uno sfogo nelle Memorie: “Ero disgustato, nauseato di fare Za la Mort”. Dai dieci minuti si desume anche una certa difficoltà a livello registico, quale l’esplosione che di drammatico ha ben poco e i poco fluidi movimenti di macchina che sono sostituiti da semplici chiusure e aperture di tendine a iris; un confronto evidentissimo si può fare con l’illustrazione di Zigomar, ladro criminale, apparso per la prima volta in Francia nel 1909, seduto a un tavolo incappucciato di rosso con alle spalle la Z e il Gran Paralitico/Fantoccio con un teschio e due serpenti.

Dollari e Fracks non ha, dicevo, altrettanta fortuna con la censura, che inizialmente non approva il nullaosta poiché “si pone in ridicolo la polizia nelle persone di agenti regolari degli Stati Uniti Americani” e in seguito approva dopo aver provveduto a tagli e sostituzioni di titoli. Addirittura i ritagli dello scarto, vengono consegnati a Ghione in una scatola separata.

Dopodiché la produzione dei film di Za la Mort sembra subire un rallentamento; troviamo successivamente, sempre con Emilio Ghione alla regia, Il quadrante d’oro (Fert, 1922), Zalamort der Traum der Zalavie(F.A.J.-National, Berlin, 1922) e Ultimissime della notte (Alba-Film, 1924), ma la vitalità non è più quella di prima.

Il frammento del quarto episodio di Dollari e fracks è fruibile sul database ufficiale online del Museo Nazionale del Cinema di Torino ed è inoltre archiviato al Nederlands Filmmuseum di Amsterdam.

Fonte: Denis Lotti, Emilio Ghione L’ultimo apache. Vita e film di un divo italiano, Bologna, Cineteca di Bologna, 2008.

Emilio Ghione, Scritti sul Cinematografo. Memorie e confessioni (15 anni d’Arte Muta) seguito da “La Parabola del cinema italiano”, Denis Lotti (a cura di), Roma, AIRSC/Cattedrale, 2011.

Dollari e fracks / Emilio Ghione. – Soggetto e sceneggiatura: Emilio Ghione. – Italia: Itala Film, 1919. – Con Emilio Ghione, Kally Sambucini, Oreste Bilancia, Amilcare Taglienti, Ria Bruna, Léonie Laporte / Lunghezza: La X di un delitto, metri 1458. La mano guantata, metri 1237. I quaranta pugnali, metri 1550. La sedia elettrica, metri 1130.

Visto di Censura: 14325, 1 luglio 1919. Stato: parzialmente sopravvissuto (frammento da La sedia elettrica).

 

 

Zalamort der Traum der Zalavie (Emilio Ghione, 1924)

zalamortzalavie

Alla fine del 1923, Emilio Ghione si trova in Germania intenzionato a girare tre film, riuscendo a portarne a termine solamente uno, a causa del rientro anticipato in Italia dovuto principalmente ai problemi di salute che lo porteranno a una sempre più maggiore difficoltà di assunzioni in ruoli anche marginali. I primi anni del nuovo decennio registrano una migrazione di massa di registi, attori, artisti e produttori in cerca di fortuna in paesi europei che non fanno fronte alla crisi produttiva che l’Italia sta passando. Dive e divi spendaccioni conoscono la miseria, altri hanno maggior fortuna: Francesca Bertini si fa chiamare contessa Cartier e Lyda Borelli contessa Cini. Complici la mediocre organizzazione produttiva, la tecnologia obsoleta, i costi eccessivi, la forte concorrenza col cinema nascente di Hollywood e anche un certo lato conservatore riguardo i generi letterari, melodrammatici e storici, (i feuilleton ripresi da testi classici e popolari sembrano resistere e ottenere ancora dell’entusiasmo da parte del pubblico), il cinema italiano pare stanco, malato e ha bisogno di respirare quella ventata di aria fresca, di novità e di svolta che arriverà ultimamente dieci anni dopo con l’avvento del sonoro.

Così, seguendo l’esempio di tanti suoi compagni e accompagnato da Kally Sambucini, Ghione realizza in terra tedesca il penultimo film dedicato a Za La Mort che si avvale della partecipazione e collaborazione dell’attrice statunitense Fern Andra, popolare nell’ambiente del cinema locale e proprietaria della casa di produzione “National”, che si riserva il ruolo di raffinata nobildonna doppiogiochista e grazie alla quale Ghione verrà prontamente assunto.

Diviso in due parti, ognuna di tre atti, prevedeva inizialmente una suddivisione in due episodi: Zalamort 1. Teil (1807 metri) e Zalamort 2. Teil (1439 metri). Lungo quindi in origine 3246 metri, successivamente presentato in censura, viene tagliato pesantemente più volte e distribuito in Italia nel 1925 in una versione ridotta di soli 1600 metri. Le note censorie d’epoca riportano le seguenti motivazioni: “Alla precedente versione di 2025 metri è stato negato il nullaosta perché l’azione e la trama s’imperniavano esclusivamente sul delitto, i personaggi principali erano delinquenti della peggior specie, l’ambiente in cui vivevano ed agivano era costituito dai bassifondi sociali. Nella versione che ha ottenuto il nullaosta molte scene sono state soppresse, modificate ed attenuate, conferendo così all’azione un’intonazione di sogno fantastico”.

A partire dalle informazioni fornite dalla censura, capiamo, perciò, che si tratta con molta probabilità di uno dei film di Za la Mort più audaci e coraggiosi, anche se principalmente il soggetto non si discosta molto dai precedenti episodi e certi tratti coincidono anche con il romanzo Za la Mort edito quattro anni dopo. In questo caso Za la Mort viene incolpato di omicidio per vendetta del Gran Paralitico, capo di un’organizzazione criminale. Al suo servizio vi sono Perla Cristal e Lama Rossa che viene sconfitto in duello da Za la Mort nella prima sequenza nel covo degli apaches, colpevole di aver tentato di derubare la ricca donna. Attirato in una trappola, Za la Mort viene sedotto da Perla Cristal, ma rifiuta ogni sua avance; per questo fa in modo che sia incolpato di un omicidio mai commesso e viene condannato ai lavori forzati in una prigione/miniera sull’isola di Rügen. Nel frattempo, Za la Vie, che era presente al duello tra Lama Rossa e il suo compagno, viene rapita e sottoposta a un trattamento psichiatrico che la rende pazza. Za la Mort riesce a fuggire dall’isola e dopo lo dopo lo svelamento di complicati intrecci di inganni, travestimenti e il ricongiungimento con Za la Vie, Perla Cristal si suicida. La fine de Livido è ignota e non viene spiegata nella pellicola. Tutta questa vicenda si rivelerà essere solo un sogno (“incubo”) di Za la Vie; tuttavia un mazzo di fiori recapitato a Za la Mort da parte di Perla Cristal lascia il retrogusto amaro di un’ambigua sovrapposizione di eventi che lasciano intendere un finale aperto.

A proposito di Za la Vie, è inevitabile considerare come finalmente le venga riservato del meritato spazio scenico; tanto è vero che viene ripresa non più come figura passiva e ubbidiente al fianco a Za la Mort, o addirittura pressoché inesistente nel momento in cui viene tolta letteralmente dalla circolazione dalla rivale in amore Casco D’Oro/ Hesperia in Anime buie (1916), ma in questo caso vittima di un rapimento e in preda alla pazzia mentre vaga smarrita e confusa per le vie vuote e desolate di una Berlino degli anni Venti. Tanti sono i primi piani dedicati alle buffe smorfie di Kally Sambucini che dimostra di possedere una grande versatilità in ambito recitativo. Proprio nelle scene della follia di Za la Vie è interessante notare e confrontare la fragilità di una Za la Vie che torna bambina mentre insegue una palla, contro la durezza della medesima donna che regge la pistola con sguardo truce mentre controlla che il malcapitato non si dia alla fuga.

Nella pellicola vi sono rudimenti di ellissi temporali quali flashback e dissolvenze (specialmente quando la figura di Za la Mort si sovrappone a quella del Livido); l’influenza dei primi film di matrice espressionista tedesca è ben visibile già nella sequenza ambientata nel covo degli apaches, in cui la folla di curiosi che assiste allo scontro tra Lama Rossa e Za la Mort è pervasa da un certo dinamismo di insieme; si voltano da una parte, si voltano dall’altra come se fossero spinti da una forza centrifuga guidata dalla “danza” dei due apaches e vi si legge perfettamente nei loro sguardi allucinati l’ansia, l’attesa e la suspence di chi non vede l’ora di scoprire chi l’avrà vinta. Anche l’improvviso arrivo di Za la Mort giustiziere è preceduto da un’ombra nera (Ghione vede Nosferatu?)  che si staglia lungo le paretiumide e poco illuminate  del bassifondo, così come contrasti fotografici visibili nel primissimo piano illuminato dal basso di Za e nella scena notturna della fuga dal carcere/miniera sull’isola di Rügen dove per certi versi gli alberi che si stagliano sullo sfondo ricordano una scena da Il gabinetto del dottor Caligari. Appunto, le composizioni, le linee secche, l’estetica complessa del cinema espressionista appartengono a un mondo irreale fatto di ombre. Robert Wiene nel 1922 dice: “Oggi noi comprendiamo in profondità, attraverso l’espressionismo, come la realtà sia indifferente e come l’irreale sia potente: ciò che non è mai esistito, ciò che è stato solo percepito, la proiezione di uno stato d’animo verso l’esterno”. E infatti, per Za la Vie, è tutto solamente un sogno.

Del film viene data la prima visione romana nel 1925, a cui viene attribuito il titolo alternativo L’incubo di Zalavie. Questo è l’ultimo film sopravvissuto della saga di Za la Mort.

Per ulteriori approfondimenti:

  • Denis Lotti, Emilio Ghione, l’ultimo Apache. Vita e film di un divo italiano, Bologna, Cineteca di Bologna, 2008.
  • Vittorio Martinelli, Za la Mort. Ritratto di Emilio Ghione, Bologna, Cineteca di Bologna, 2007.

Zalamort der Traum der Zalavie / Emilio Ghione. – Soggetto e sceneggiatura: Emilio Ghione. – Berlino: F.A.J.-National, Berlin, 1923-1924. – Con Fern Andra, Emilio Ghione, Kally Sambucini, Magnus Stifer, Henri Sze, Robert Scholz, Ernst Rückert / Lunghezza: metri 1600.

Visto di Censura: 20011, 22 aprile 1924.

Stato: sopravvissuto.

 

Nella gabbia dei leoni – Nelly la domatrice (1912)

Spesso e malvolentieri succede che chi scrive sia sopraffatto dal blocco dello scrittore; ènelly capitato a me due giorni prima della consegna del consueto pezzo del giovedì: ho semplicemente esaurito le idee, non ho film da argomentare, non ho storie da raccontare. Chiedo quindi il classico aiutino da casa, che altro non è che il motore di ricerca Safari, e mi metto a sfogliare il canale Vimeo del Museo del Cinema di Torino, ricchissimo di materiale utile alla fruizione di film d’epoca. D’un tratto lo sguardo si ferma su Nelly la domatrice, titolo che cattura subito la mia attenzione, o meglio, la rete neuronale del mio cervello inizia a propagare impulsi elettrici generando il ricordo di quel Nelly la gigolette (o La danzatrice della taverna nera) (Emilio Ghione, 1914) la cui unica foto di scena sopravvissuta ha occupato l’immagine di copertina del mio profilo Facebook tra i mesi di settembre e novembre 2017 e film tanto sospirato dai fan di Emilio Ghione poichè perduto e considerato il preludio dell’acclamata saga di Za la Mort.

Le due Nelly svolgono professioni diverse: la prima domatrice di leoni in un circo, la seconda gigolette (degenerazione linguistica del termine chanteuse, sciantosa, cantante dei caffè concerto), danzatrice, intrattenitrice, seduttrice. Non si possono fare ulteriori considerazioni circa la Nelly interpretata da Francesca Bertini nel film di Ghione in quanto, come detto, si hanno solo notizie a proposito del soggetto e la pellicola è da ritenersi, purtroppo, dispersa.
La Nelly domatrice, invece, è la protagonista del melodrammone circense (“grandioso dramma impressionante” come recita un volantino pubblicitario di quel periodo) di 25 minuti di Mario Caserini, girato in casa Ambrosio nel 1912, periodo in cui la narrazione cinematografica inizia ad acquisire un suo perchè grazie all’istituzione di numerosi generi, spesso tratti da soggetti letterari.

Per soddisfare ogni curiosità a proposito della trama del film, ne faccio un riassunto con spoiler del finale molto prevedibile: Lei ama lui, Lui ama lei, l’Altro ama Lei, Lei ama l’Altro, Lui detesta l’Altro, l’Altro non ama più Lei, Lei torna da Lui [inizio dello spoiler], Lui si uccide con un colpo di rivoltella alla nuca [fine dello spoiler]. L’unico elemento che potrebbe mettere un po’ di pepe alla situazione sono i leoni che vorrebbero mangiarsi (come biasimarli) l’Altro (che sì, ha un nome quale Conte Wilhem), ma sono così ben ammaestrati che lasciano che egli conquisti il cuore di Nelly introducendosi nella gabbia dando prova del suo immenso (mah) coraggio guadagnandosi così l’amore di Nelly. La storia idilliaca tra Nelly e il conte continua tra fughe romantiche e tazze di té in terrazza, con il povero Lui (che sì, ha un nome anch’esso, Alfredo) Nelly la domatriceche non solo viene tradito miserevolmente, ma viene pure licenziato dal circo in cui lavora come assistente di Nelly; infine, il comportamento poco rispettoso del Conte Wilhelm nei confronti di Nelly fa sì che la domatrice si trovi domata, non dai leoni, ma dal pentimento di aver tradito il povero Alfredo e dalla consapevolezza che il tempo perduto non ritornerà mai più.

Soggetto non particolarmente avvincente a parte, la pellicola è però da riconoscere come testimonianza fondamentale della filmografia di Mario Caserini che ad oggi risulta tutt’altro che cospicua; Nelly la domatrice è un esempio dell’importanza di Caserini nella storia del cinema in quanto pioniere e uno dei primi autori di film di genere passionale. Detto ciò ricordiamoci che siamo nei primissimi anni Dieci e l’industria cinematografica italiana ha appena scoperto le proprie potenzialità di opera d’arte e strumento “seduttore” di masse: la visione di un semplice triangolo amoroso contornato da dei leoni per lo spettatore medio italiano nato nella seconda metà del diciannovesimo secolo era inusuale quanto sconcertante. Difatti un recensore coevo riporta: “Indubbiamente questa film merita proprio una lode. Lode per la esecuzione, lode per il coraggio che attori e operatore han dimostrato lavorando tranquilli e calmi davanti alle gole formidabili di parecchi leoni. E non c’è ombra di trucchi; i leoni sono proprio là naso a naso con gli attori e qualche volta allungano le grinfie con poco onesta intenzione di portar via qualche brandello di carne umana fresca (oh! quanto fresca!) che vedono a portata”. Forse non avevo tutti i torti quando dicevo poco sopra che i leoni avrebbero divorato volentieri in un sol boccone il Conte Wilhelm. Si percepiva nel 1912 e si vede anche nel 2018.

Curiosità: Un occhio allenato e fisionomista riconoscerebbe senza alcun dubbio l’uomo che indossa i panni del conte Wilhelm: è lo stesso Mario Bonnard del principe Massimiliano in Ma l’Amor mio non muore edito l’anno successivo a Nelly la domatrice e diretto sempre da Caserini.

Nelly la domatrice / Mario Caserini. – Soggetto e sceneggiatura: Arrigo Frusta. – Torino: Società Anonima Arturo Ambrosio, 1912. – Con Fernanda Negri-Pouget, Mario Bonnard, Mario Voller Buzzi, Antonietta Calderai, Oreste Grandi, Alfred Schneider e i suoi leoni.
Lunghezza: metri 602/622.
Visto di Censura: 9787, 22 giugno 1915.
Stato: sopravvissuto.

Fonti: – Aldo Bernardini, Le imprese di produzione del cinema muto italiano, Bologna, Persiani, 2015.

– Gian Piero Brunetta, Il cinema muto italiano. Dalla “Presa di Roma” a “Sole” 1905 – 1929, Roma/ Bari, Laterza, 2008.

– Il Rondone, La Vita Cinematografica III, n.19, 15 ottobre 1912, p.57.

Il Circolo nero – Emilio Ghione (1913)

Tra gli attori italiano del cinema muto, Emilio Ghione è il personaggio che più mi affascina in assoluto. Negli ultimi anni i lavori di Denis Lotti hanno contribuito a rafforzare le informazioni in nostro possesso sul suo conto. Lotti ha infatti pubblicato un volume interamente dedicato a Ghione per la Cineteca di Bologna oltre ad aver curato la riedizione del primo romanzo di Za-La-Mort e dell’autobiografia dell’artista che è stata presentata durante il Cinema Ritrovato 2013. Grazie all’Archives Françaises du Film-CNC abbiamo ora la possibilità di vedere il Circolo nero (o Cerchio nero secondo una diversa titolazione) in versione restaurata e praticamente completa. Il Circolo Nero è anche il primo film che Emilio Ghione fece come attore e regista per la Celio-Film.

Il Conte Roul Ruggeri (Alberto Collo) per un debito contratto nel gioco d’azzardo si ritrova suo malgrado all’interno del malfamato Circolo Nero, presieduto dall’oscuro Bodre (Emilio Ghione). Si tratta di un’associazione malavitosa che opera furti e malvagità di ogni tipo. Il Conte Roul, non si trova però a sua agio nella vita crimosa e decide di abbandonarla con la promessa di non rivelare mai nulla del circolo. Il Conte decide di andare a cercar fortuna in America dove presto si innamora di Edith Brown (Lea Giunchi), unica figlia del miliardario Sir Brown, re della lana. Quando la polizia finalmente riesce a tendere una retata al Circolo Nero, solo Bodre riesce a salvarsi. Bodre reca da Roul convinto di poter ricevere da lui aiuto finanziario e un impiego. Ma il conte non vuole far entrare in contatto la sua amata con il malvagio Bodre, così lo allontana. Desideroso di vendetta, Bodre rapisce allora Edith. Una volta scoperto il rapimento, Roul corre a salvare la sua amata dopo l’inevitabile scontro finale…

Il film presenta a mio avviso diversi aspetti ingenui ma nel complesso è molto piacevole anche per via della breve durata. Difficile comprendere le ragioni di quel salto in America improvviso nel ranch del re della lana, che diventa una nota di colore esilerante. Personalmente gradisco molto i film di questo “genere malavitoso” tipico di quell’epoca, di conseguenza non non posso che esprimere un parere più che positivo riguardo il Circolo Nero. Malgrado tutti i difetti riscontrabili, la prova di Ghione mi è parsa più che positiva. Di certo riesce a catalizzare l’attenzione dello spettatore più di quanto non faccia Alberto Collo, qui decisamente sottotono. Emilio Ghione ostenta per tutto il film un atteggiamento freddo e distaccato, quasi a voler informare sin dal principio il pubblico su quanto Bronde sia un personaggio malvagio e senza scrupoli. Pur essendo lontano dalle grandi interpretazioni successive, Ghione si ritaglia qui uno spazio di tutto rilievo. Consiglio vivamente la visione del film agli amanti del genere. Del resto, come anticipato, il film è visibile a tutti grazie al Archives Françaises du Film-CNC che ha messo a disposizione il video su internet (potete farlo anche voi cliccando qui).

Non mi resta che augurarvi una buona visione

Tigris –Vincenzo Denizot (1913)

Agli inizi di E Muto Fu, avevo dedicato uno spazio al francese Fantômas (1913-1914), uno dei grandi esempi di produzione di Louis Feuillade. Questo Tigris si avvicina tantissimo a questo genere e crea uno splendido gioco delle parti con Edoardo Devesnes nella parte di tre differenti personaggi, grazie all’abile utilizzo di travestimenti. All’inizio del film, proprio come accade in Fantômas, il nostro attore si presenta nei tre differenti ruoli per poi togliersi il travestimento e rivelarsi nel suo vero aspetto. I travestimenti, così come nei Serial francesi, sono il vero punto di forza di questo film.

La terribile banda di Tigris (Edoardo Davesnes) mette a soqquadro la città. Nessuno conosce la sua vera identità, di lui è nota solamente la sua estrema abilità nei travestimenti. Per tenere a bada l’ispettore Roland (Alessandro Bernard) che si è messo sulle sue orme, Tigris decide di farlo presentare alla sorella (Lydia Quaranta), del tutto ignara della sua seconda vita, simulando un incidente col cavallo davanti al bar in cui l’ispettore è solito passare il suo tempo. Così ha modo di agire indisturbato, o almeno così pensa di fare. Visto che Roland, con innumerevoli travestimenti, continua a mettergli i bastoni tra le ruote, egli si traveste dall’ispettore capo (anche quello ‘vero’ è interpretato sempre dallo stesso Devesnes) per organizzargli un attentato. Con l’aiuto della sua banda, così, Tigris lega l’ispettore come un salame e lo getta sulla ferrovia poco prima che passi un treno. Ma con un provvidenziale colpo di fortuna l’ispettore si salva e nella migliore delle tradizioni del genere finge la propria morte per indagare indisturbato. Ma è solo dopo numerosi tentativi falliti che Tigris viene finalmente preso nella sua casa, davanti alla sorella disperata. Quando tutto sembra ormai finito, però, Tigris apre una botola segreta e si getta nel vuoto. Viene così dato per morto, ma niente vieta di pensare che sia riuscito ancora una volta a fuggire…

Il film non si prende mai del tutto sul serio, lasciando spazio a tantissimi inframezzi divertenti. Ma nonostante anche la parte investigativa è strutturata molto bene, seppur segua appunto il tipico format del genere con tanti espedienti e trovate ormai non molto originali. A fine proiezione mi sono detto molto soddisfatto di questa produzione italiana, un vero esempio della capacità del cinema nostrano di assorbire, come una spugna elementi esterni, in particolare francesi, e farli suoi dando vita ad un prodotto interessante. Difficile non pensare ad altri splendidi film italiani come quelli di Za la Mort con Emilio Ghione. Spero di avere la possibilità di vedere nuovamente questo film, magari in una bella edizione DVD. Mi spiace per l’immagine di copertina e per quella tratta dal film, ma è l’unica cosa che sono riuscito a trovare. L’immagine raffigura Tigris mentre si traveste in mezzo ai suoi scagnozzi.

I Topi Grigi – Emilio Ghione (1918)

In uno dei primissimi post avevo parlato dello splendido Fantômas di Louis Feuillade, serial della Gaumont in cinque episodi che riscosse un grande successo ed ebbe immancabilmente una grande influenza anche sulle produzioni italiane. All’epoca avevo ad esempio parlato di Diabolik, mi ero dimenticato di citare un altro grande personaggio ormai quasi dimenticato: Za la Mort di Emilio Ghione. Negli anni ’10, in realtà, opere di questo genere erano molto amate in Francia, in particolare possiamo ricordare la serie di Zigomar, ma anche Arsène Lupin e Rocambole che sebbene non avessero ancora avuto una trasposizione sul grande schermo, hanno contribuito contribuirono certamente ad influenzare la creazione di Ghione. Il personaggio di Za la Mort venne interpretato per la prima volta nel 1914 nel film “Nelly la gigolette o La danzatrice della Taverna Nera“. Ma è con “Il Triangolo Giallo“, ma soprattutto con “I Topi Grigi”, serial di otto episodi prodotti dalla Tiber, che il personaggio raggiunse l’apice del successo.

La serie di cui ci stiamo occupando era così composta:

1. La busta nera 2. La tortura 3. Il covo 4. La rete di corda 5. La corsa al milione 6. Aristocrazia canaglia 7. 6000 wolts 8. A mezza quaresima

Gli episodi, conservati presso la Cineteca di Bologna, sono stati proiettati l’ultima volta nell’estate del 2008 in occasione della pubblicazione della monografia di Denis LottiEmilio Ghione. L’ultimo apache. Vita e film di un divo italiano” edita dalla Cineteca stessa. Non esiste, purtroppo, una edizione in DVD ma gli episodi 2 e 3 sono stati rilasciati in VHS almeno dalla Mondadori video nel 1995 grazie ad un lavoro di restauro operato dalla Cineteca di Bologna e dalla Cinémathèque Royale de Belgique (CRB). Proprio questa è l’edizione che sono riuscito a visionare e sebbene solo due siano gli episodi fruibili, per altro in una posizione “scomoda”, ovvero posizionati dopo il capitolo iniziale ma prima dell’inizio vero e proprio dell’azione, essi aiutano a far capire la personalità dell’eroe creato da Ghione.

Za la Mort (Emilio Ghione) è un ladro galantuomo, abile trasformista, che nonostante viva nella macchia segue un suo codice etico ben preciso. Proprio per questo si ritroverà a combattere la banda dei Topi Grigi, composta da banditi senza scrupoli, capitanata da Grigione (Albert-Francis Bertoni). Il nostro eroe potrà contare sull’amata Za la Vie (Kally Sambucini, sua compagna anche nella vita) e il caro Leo (Alfredo Martinelli) che lui stesso ha salvato dalle grinfie dei Topi Grigi.

Za la Mort continuerà a comparire in numerose altre pellicole fino al 1924 con “Zalamort: L’incubo di Zalavie“, film girato in Germania, dove Ghione era andato ormai quasi povero alla ricerca di un nuovo punto di partenza. Purtroppo, però, non riuscì a ritrovare il successo e, ormai ridotto in miseria, morì di tisi a Roma nel Gennaio del 1930. Con l’avvento del sonoro le avventure di questo splendido personaggio multiforme verranno dimenticate, nonostante il figlio, nel 1947, abbia tentato di riportarle in vita con il film “Fumeria d’oppio” con lo stesso Pierfrancesco Ghione (che qui assunse il nome di Emilio Ghione Jr.) nel ruolo del celebre criminale. L’operazione non ebbe purtroppo successo e il personaggio tornò nell’oblio.

Da una rapida ricerca mi sembra di aver intuito che escludendo “I Topi Grigi” le avventure di Za la Mort non siano state conservate (ma aspetto eventuali smentite da parte degli amici di Sempre in Penombra), un vero peccato visti i presupposti dei due episodi che ho potuto vedere. Ma perché non far uscire una bella edizione in DVD? La speranza è sempre l’ultima a morire, ma sinceramente temo che dovrò aspettare tanto tempo prima di poter visionare gli altri episodi della serie. Forse per i Cento anni la Cineteca di Bologna potrebbe regalarci qualche sorpresa.

Approfondimenti 1: per maggiori informazioni su Za la Mort in generale vi consiglio questa pagina presa dal sito “Corto in Corto” che spiega qualche retroscena ed ha anche una pagina dedicata a “I Topi Grigi”.

Approfondimenti 2: riguardo invece il remake del ’47 vi rimando a questa splendida recensione d’epoca riportata da “Sempre in Penombra” con tanto di intervento della pronipote di Emilio Ghione.

Vi auguro una buona lettura e spero buona visione nel caso riusciate a recuperare il VHS in qualche modo.