Archivio

Posts Tagged ‘Malcolm Keen’

L’isola del peccato (The Manxman) – Alfred Hitchcock (1929)

The Manxman è il film cesura nella produzione di Hitchcock. Con il film successivo, Blackmail, il regista deciderà di passare al sonoro (seppur presentando anche una versione muta del film) ma soprattutto ad un genere decisamente più hitchcockiano e che contribuirà a renderlo famoso in tutto il mondo. Questo stacco sarà segnato anche dal cambio di sceneggiatore, dal fido Eliot Stannard, qui alle prese con l’adattamento di The Manxman di Hall Caine, a Charles Bennett. A partire da The Manxman era già stato fatto un film del 1917 con George Loane Tucker alla regia.

Il pescatore Pete (Carl Brisson) e Kate (Anny Ondra) si amano contro il volere del padre di lei, Caesar (Randle Ayrton), che vorrebbe sposasse un uomo più ricco. Così lui parte per terre straniere in cerca di fortuna ed affida la sua amata a Philip (Malcolm Keen), l’avvocato amico d’infanzia.Philip e Kate iniziano a frequentarsi e presto si innamorano. Quando giunge la notizia della morte di Pete i due possono finalmente frequentarsi senza rimorsi e presto Kate rimane incinta. Ma Pete non è morto, e tornato dal suo lungo viaggio finalmente ricco chiede la mano della sua amata. Philip e Kate decidono così di nascondere i loro sentimenti reciproci per il bene di Pete e celebrare il matrimonio. Pete, saputa la notizia che Kate è incinta, crede di esserne il padre e cresce la figlia amorevolmente. Ma presto la ragazza non riesce più a vivere nella menzogna e decide di fuggire dal suo amato Philip che ormai aveva fatto carriera ed era diventato giudice. Ma lui non può tenerla con sé a lungo e così nel primo caso che Philip si trova ad affrontare in tribunale vede comparire proprio la sua amata Kate che ha tentato di suicidarsi. Nel corso del processo tutte le verità vengono a galla. Al termine della vicenda Pete si ritrova solo e con il cuore infranto, Philip è costretto a dimettersi e, insultato da tutto il villaggio, si allontana con Kate e la sua bambina.

La storia, piuttosto intricata e difficile da raccontare, mostra ancora una volta i lati perversi del puritanesimo. In un piccolo villaggio dell’Isola di Man, la promessa d’amore è una cosa sacra e tradirla porta all’ignominia e alla dannazione eterna. Non c’è nessun vincitore al termine della vicenda, tutti hanno perso qualcosa e non hanno guadagnato niente. Persino un amore che teoricamente dovrebbe aver trionfato ha un sapore decisamente amaro e lascia presagire che non potrà dare alcuna felicità Hitchcock mostra una incredibile maturità nel raccontare la vicenda aiutandosi con splendide inquadrature e scene memorabili. Così, mentre Pete è al settimo cielo per poter finalmente sposare la sua amata, Kate e Philip vengono impietosamente inquadrati nel loro dolore, che si trasforma in una forzata felicità quando Pete si volta verso di loro. Si tratta di una scena che difficilmente avrebbe potuto avere un effetto tanto grande nel cinema sonoro. The Manxman, nel complesso, mette scena una storia drammatica con grande intensità e senza sostanziali sbalzi di ritmo. I personaggi sono ben caratterizzati e mostrano una complessità psicologica che forse non ha uguali nella prima produzione di Hitchcock. Ancora una volta tutto è reso più efficace dallo splendido restauro operato dal BFI National Archive a partire da un negativo originale. Si è trattato, insomma, di un ottimo titolo per terminare la rassegna dedicata ai muti di Hitch al Cinema Ritrovato 2013 ridando risalto ad un film spesso messo ingiustamente da parte ma che invece ha tanto da dare anche ad un pubblico moderno.

Approfondimenti: rimando all’articolo pubblicato su Cinefilia Ritrovata per vedere il film da un punto di vista più vicino al pubblico del Cinema Ritrovato.

Annunci

Il Pensionante (The Lodger: A Story of the London Fog) – Alfred Hitchcock (1927)

Il Pensionante è forse il mio muto di Alfred Hitchcock preferito, ma potrei rincarare la dose affermando che forse è uno dei miei Hitchcock preferiti nonché uno dei miei muti preferiti in assoluto. La prima volta mi ero imbattuto nella produzione muta di Hitchcock quasi per caso, perché mi esercitavo traducendo le didascalie dei suoi film dall’inglese all’italiano per poi condividerli. Non so sinceramente che fine abbiano fatto tutti i file di testo che avevo preparato e neanche l’effettiva qualità della traduzione, ma certamente tra tutti i film del “maestro del brivido” prodotti in questi anni The Lodger era quello che più mi aveva colpito.  Del resto, almeno sentedo Truffaut, Hitchcock considerava questo il suo primo vero film. Quando ho scoperto che sarebbe stata prodotta una nuova edizione in Bluray non ho potuto resistere e dopo tanto tempo ho potuto finalmente rivedere questo capolavoro in una vesta completamente rinnovata.

Le vicende, tratte dal libro omonimo di Marie Belloc Lowndes, sorella di Hilaire Belloc, che si ispirava alla storia di Jack lo squartatore, erano state messe in scena a teatro nello spettacolo “Who Is He?” attirando l’attenzione del regista. Ottenuti i diritti per la realizzazione dell’opera, Hitchcock, insieme a Eliot Stannard, scrisse la sceneggiatura e preparò minuziosamente tutte le scene prima di mettersi davanti alla cinepresa. Per interpretare i protagonisti vennero scelti Ivor Novello, attore molto famoso in Gran Bretagna, e June Tripp, attrice dalla breve carriera cinematografica, interrotta nel 1929 dopo aver sposato il Barone John Alan Burns (da cui divorziò qualche anno dopo intraprendendo una nuova carriera di attrice teatrale e trasferendosi in America).

Londra è sconvolta da brutali delitti compiuti ad opera di un killer seriale che ama firmare i suoi delitti come “il vendicatore”. Gli omicidi sono stati effettuati tutti rigorosamente di Martedì ai danni di ragazze bionde. Proprio un Martedì notte nella pensione dei coniugi Bunting (Arthur Cresney e una spendida Marie Ault), uno strano ragazzo chiede di poter alloggiare da loro per qualche tempo. Il pensionante (Ivor Novello) mostra subito strani comportamenti tra cui un evidente odio per i quadri raffiguranti donne dai riccioli d’oro. Allo stesso tempo sembra invece molto attratto dalla bionda figlia dei Bunting, Daisy (June Tripp qui indicata solo come June) fidanzata del Detective di Scotland Yard Joe Betts (Malcolm Keen). Chi sarà il tremendo assassino di Londra? Il pensionante è in qualche modo implicato?

Attraverso uno splendido gioco di immagini e di dialoghi dalle molteplici interpretazioni, Hitchcock si diverte a confondere lo spettatoregiocando sull’ambiguità del personaggio del Pensionante che viene continuamente messo in discussione. In questo film si avverte l’influenza del cinema espressionista tedesco e forse di Murnau in particolare. Tutto nelle riprese è stato studiato nei minimi particolari, anche le didascalie non sono mai banali ma richiamano alcuni esprimenti espressionisti tipici di quell’epoca (primo non tedesco che mi viene in mente è il corto “The Life and Death of 9413 a Hollywood Extra” del ’28). Le interpretazioni degli attori sono davvero ottime e questo da ulteriore spessore ad una sceneggiatura molto intrigante. Tutti questi elementi contribuirono a rendere The Lodger un vero e proprio successo, tanto che viene ancora oggi considerato uno degli migliori muti britannici di sempre (il successo è dimostrato anche dalla locandina in tedesco che ho scelto per questo articolo). Venne fatto subito un remake sonoro nel 1932 con lo stesso Ivor Novello nel ruolo del pensionante. Fu un flop clamoroso. Nel film Gosford Park del 2001, l’attore (interpretato da Jeremy Northam) afferma che il film sarebbe stato inevitabilmente un insuccesso.

The Lodger di Hitchcock, come anticipavo, è stato impreziosito dallo splendido restauro effettuato dal BFI National Archive in collaborazione con l’ITV Studios Global Entertainment e il Network Releasing che hanno dato vita ad un Blu-ray dalla qualità incredibile accompagnato da una splendida colonna sonora opera dell’acclamato musicista poliedrico Nitin Sawhney di origine indiano-britannica. Nel Blu-ray sono presenti due dischi extra con tanto di colonna sonora eseguita splendidamente dalla London Symphony Orchestra. Acquisto consigliatissimo! Non mi resta che lasciarvi al trailer del film sperando di aver stuzzicato la vostra curiosità. Buona visione!