Archive

Posts Tagged ‘Eliot Stannard’

L’isola del peccato (The Manxman) – Alfred Hitchcock (1929)

luglio 8, 2013 1 commento

The Manxman è il film cesura nella produzione di Hitchcock. Con il film successivo, Blackmail, il regista deciderà di passare al sonoro (seppur presentando anche una versione muta del film) ma soprattutto ad un genere decisamente più hitchcockiano e che contribuirà a renderlo famoso in tutto il mondo. Questo stacco sarà segnato anche dal cambio di sceneggiatore, dal fido Eliot Stannard, qui alle prese con l’adattamento di The Manxman di Hall Caine, a Charles Bennett. A partire da The Manxman era già stato fatto un film del 1917 con George Loane Tucker alla regia.

Il pescatore Pete (Carl Brisson) e Kate (Anny Ondra) si amano contro il volere del padre di lei, Caesar (Randle Ayrton), che vorrebbe sposasse un uomo più ricco. Così lui parte per terre straniere in cerca di fortuna ed affida la sua amata a Philip (Malcom Keen), l’avvocato amico d’infanzia.Philip e Kate iniziano a frequentarsi e presto si innamorano. Quando giunge la notizia della morte di Pete i due possono finalmente frequentarsi senza rimorsi e presto Kate rimane incinta. Ma Pete non è morto, e tornato dal suo lungo viaggio finalmente ricco chiede la mano della sua amata. Philip e Kate decidono così di nascondere i loro sentimenti reciproci per il bene di Pete e celebrare il matrimonio. Pete, saputa la notizia che Kate è incinta, crede di esserne il padre e cresce la figlia amorevolmente. Ma presto la ragazza non riesce più a vivere nella menzogna e decide di fuggire dal suo amato Philip che ormai aveva fatto carriera ed era diventato giudice. Ma lui non può tenerla con sé a lungo e così nel primo caso che Philip si trova ad affrontare in tribunale vede comparire proprio la sua amata Kate che ha tentato di suicidarsi. Nel corso del processo tutte le verità vengono a galla. Al termine della vicenda Pete si ritrova solo e con il cuore infranto, Philip è costretto a dimettersi e, insultato da tutto il villaggio, si allontana con Kate e la sua bambina.

La storia, piuttosto intricata e difficile da raccontare, mostra ancora una volta i lati perversi del puritanesimo. In un piccolo villaggio dell’Isola di Man, la promessa d’amore è una cosa sacra e tradirla porta all’ignominia e alla dannazione eterna. Non c’è nessun vincitore al termine della vicenda, tutti hanno perso qualcosa e non hanno guadagnato niente. Persino un amore che teoricamente dovrebbe aver trionfato ha un sapore decisamente amaro e lascia presagire che non potrà dare alcuna felicità Hitchcock mostra una incredibile maturità nel raccontare la vicenda aiutandosi con splendide inquadrature e scene memorabili. Così, mentre Pete è al settimo cielo per poter finalmente sposare la sua amata, Kate e Philip vengono impietosamente inquadrati nel loro dolore, che si trasforma in una forzata felicità quando Pete si volta verso di loro. Si tratta di una scena che difficilmente avrebbe potuto avere un effetto tanto grande nel cinema sonoro. The Manxman, nel complesso, mette scena una storia drammatica con grande intensità e senza sostanziali sbalzi di ritmo. I personaggi sono ben caratterizzati e mostrano una complessità psicologica che forse non ha uguali nella prima produzione di Hitchcock. Ancora una volta tutto è reso più efficace dallo splendido restauro operato dal BFI National Archive a partire da un negativo originale. Si è trattato, insomma, di un ottimo titolo per terminare la rassegna dedicata ai muti di Hitch al Cinema Ritrovato 2013 ridando risalto ad un film spesso messo ingiustamente da parte ma che invece ha tanto da dare anche ad un pubblico moderno.

Approfondimenti: rimando all’articolo pubblicato su Cinefilia Ritrovata per vedere il film da un punto di vista più vicino al pubblico del Cinema Ritrovato.

Tabarin di lusso (Champagne) – Alfred Hitchcock (1928)

Con Champagne Hitchcock intraprende una mini parentesi da commediografo che raggiungerà l’apice nel succesivo The Farmer’s Wife. Ma, al contrario del film successivo, qui non mancano elementi decisamente drammatici. La storia prende spunto da un romanzo omonimo di Walter C. Mycroft, opportunamente adattato da Eliot Stannard e dallo stesso Hitchcock. La protagonista è un’esplosiva Betty Balfour, che interpreta la figlia superviziata di un milionario. Il ruolo personaggio decisamente più interessante è però interpretato da Ferdinand von Alten, nei panni di un inquietante uomo baffuto che appare davanti alla protagonista nei momenti più impensabili.

Betty (Betty Balfour), la viziata figlia di un noto miliardario americano (Gordon Harker), ne combina un’altra delle sue. Usa infatti l’elicottero di famiglia per raggiungere il suo ragazzo (Jean Bardin) a bordo di una nave diretta in Francia. Qui farà la sua conoscenza anche di uno strano personaggio (Ferdinand von Alten) dal fare decisamente inquietante. Quando finalmente Betty giunge in Francia, viene raggiunta dal padre che le dichiara di aver perso tutti i suoi averi. Per tentare di aiutarlo inizia a lavorare in un locale decisamente poco raccomandabile. Questo è troppo però per il padre, che rivela a Betty di aver finto tutto per darle una sonora lezione. La ragazza fugge e si rifugia dall’uomo baffuto in procinto di tornare in America. Quando lui la chiude dentro la stanza della nave lei teme il peggio e si arma di una sbarra di ferro pronta ad aggredire l’inquientate personaggio al suo rientro…

Lascio la fine sospesa per non rovinare la sorpresa. L’uomo baffuto, come detto, è certamente uno dei personaggi più riusciti di uno dei muti forse meno forti della produzione di Hitchcock. La scena più inquietante è certamente quella della violenza sessuale, che avviene per fortuna solo nell’immaginario di Betty, ma che staordinariamente riuscì a passare la censura. Bello vedere Gordon Harker, che abbiamo conosciuto più che altro in ruoli del tutto opposti, come un miliardario affermato e padre di famiglia. Non mancano belle inquadrature, come le riprese, viste dalla soggettiva dell’uomo baffuto, attraverso il fondo del bicchiere oppure, in un altro frangente, la telecamera che balla per riprendere il mare in tempesta. Ancora una volta quello che colpisce è il restauro operato dal BFI, pur partendo da un ‘2nd negative’ contenente le scnee da usare in caso di danneggiamento dell’originale. Insomma non sapremo mai veramente come doveva apparire realmente il film, ma è pur sempre meglio di niente. Forse è il mio muto meno preferito, ma si tratta di un’opinione personale. Alcuni elementi lo rendono comunque un film molto interessante.

Approfondimenti: per il film visto da un’altra prospettiva più interna al Cinema Ritrovato 2013, vi rimando all’articolo presente su Cinefilia Ritrovata.

Curiosità: nella locandina che ho trovato Gordon Harker è riportato come Gordon Parker per errore.

Fragile Virtù (Easy Virtue) – Alfred Hitchcock (1927)

luglio 8, 2013 1 commento

Con Easy Virtue, Hitchcock e Stannard riprendono il filone iniziato con Downhill estremizzandolo e portandolo all’estremo pessimistico compimento. Ancora una volta il personaggio protagonista, questa volta Isabel Jeans, che aveva avuto una parte anche nello stesso Downhill al fianco di Ivor Novello, intraprende una parabola discendente ma non sarà capace di invertirne la rotta. La sceneggiatura, curata dal solito Eliot Stannard, prendeva spunto da un’opera teatrale omonima di Noël Coward, considerato un autore ostico da portare sul grande schermo. Non per niente la campagna pubblicitaria operata sul numero di “Picturegoer” del Luglio 1927 riportava la seguente frase “Portare al cinema un’opera di Noël Coward è un’ardua impresa – Hitchcock ci è riuscito!”.

Il film si apre in un tribunale dove la giovane Larita Filton (Isabel Jeans) è accusata di adulterio. In realtà la ragazza è innocente e vittima dell’amore di un pittore (Eric Bransby Williams), poi toltosi la vita una volta colto in flagrante dal signor Filton (Franklin Dyall) mentre tentava di baciarla. Nonostante la strenua difesa, la donna viene così condannata da una giuria faziosa e superficiale capitanata dall’avvocato dell’accusa (Ian Hunter). Così Larita, privata della sua dignità, fugge sulle coste del Mediterraneo per cercare una nuova serenità. Incontra lì il giovane John Whittaker (Robin Irvine) che pur non sapendo niente del suo passato decide di sposarla e portarla a casa dai genitori. Qui lei incontra l’ostilità dei parenti di lui che portano a poco a poco l’allontanamento dello stesso John. Quando poi il passato di Larita viene scoperto, lei, ormai disillusa, decide di concedere il divorzio e in un’ultima scena di grande impatto si presenta davanti ai giornalisti affamati di scoop appostati fuori dal tribunale dichiarando “sparate! Non c’è più niente da uccidere!”.

Un film forte, che affronta tematiche scottanti e di attualità, in particolare per l’epoca. Si tratta in fondo di una pesante critica al puritanesimo, incapace di andare oltre alle apparenze e di scavare nella personalità di una persona. Ma quello che colpisce in questo film, oltre alla forza e nella dignità di una donna pur nella difficoltà più profonda, è la modalità con cui Hitchcock riprende alcune delle scene chiave del film. Si parte con la scena iniziale a quella finale, che si svolgono sostanzialmente nella stessa maniera con una costruzione ad anello che è caratteristica propria anche di altri muti di Hitch. Si passa poi alla dichiarazione d’amore e la richiesta di matrimonio di John, che invece di essere mostrata alla maniera classica viene rappresentata attraverso una centralinista che ascolta la conversazione e trasmette, attraverso la sua straordinaria mimica faccia, le emozioni dell’evento. Isabel Jeans, dopo il successo dei primi due The Rat e l’interpretazione di Julia in Downhill, raggiunge qui la piena maturità con un ruolo differente da quelli interpretati in precedenza, solitamente una donna senza scrupoli amante della bella vita. Larita Filton è una donna forte e fragile allo stesso tempo, dalla forte integrità morale e intellettiva, ma travolta dagli avvenimenti e dal giudizio altrui. Nonostante tutto quello che le accade e nonostante il finale non la riabiliti agli occhi della gente, lei ne esce comunque vincitrice agli occhi dello spettatore proprio per quella sua dignità che le permette di affrontare gli stessi giornalisti e, con loro, tutta l’opinione pubblica. Rivedere questo film, a distanza di molti anni, in condizioni finalmente decenti, è una vera e propria gioia per gli occhi. Il lavoro del BFI è incredibile, tanto più contando che ne esistono solo copie 16mm di scarsissima qualità che riprendono solo 70 dei 94 minuti originali. In ogni caso il lavoro è stato davvero superbo e non resta che fare i complimenti ai restauratori. Di recente è stata rilasciata in Francia la versione in dvd/blu-ray edita dalla Elephant Films.

Approfondimenti: rimando all’articolo scritto per Cinefilia Ritrovata per ulteriore spunti.

La Moglie del Fattore (The Farmer’s Wife) – Alfred Hitchcock (1928)

luglio 4, 2013 2 commenti

The Farmer’s Wife è quanto di più atipico si possa riscontrare nella filmografia di Alfred Hitchcock. Il primo approccio spiazza, specialmente conoscendo il nome del regista: ci si trova davanti ad una commedia romantica dalle tinte decisamente comiche. ‘Che ci sia un errore?’ viene da chiedersi. Ed invece no, si tratta di un film di Hitchcock che si rivela, inaspettatamente, anche molto divertente. Le vicende si ispirano all’omonima opera teatrale di Eden Phillpotts adattata per l’occasione dal solito Eliot Stannard.

Il fattore Samuel Sweetland (Jameson Thomas), ormai vedovo, decide di risposarsi. Compila così, assieme alla sua fida governante Araminta (Lillian Hall Davies), una lista delle donne appetibili: Thirza Tapper (Maud Gill), Mary Hearn (Olga Slade) e Mercy Basset (Ruth Maitland). Queste però lo rifiutano gettando il fattore nello sconforto. Capirà poi di avere la moglie perfetta già in casa e deciderà di sposare la bella Araminta.

Il film propone nel corso delle quasi due ore di durata una serie infinita di gag mimiche, spesso ripetute in maniera ossessiva. Il cast è composto da ottimi attori caratteristi, tra cui anche Gordon Harker (che interpreta il tuttofare Churdles Ash) che abbiamo imparato a conoscere come l’allenatore in The Ring. La cosa che colpisce di più, oltre al genere, è la quasi totale mancanza di riprese particolari o illuminate, a favore di un riprese decisamente più tradizionali e vicine al genere comico. Questo è un altro degli elementi che ha spiazzato la platea del Cinema Ritrovato 2013 che certamente non si aspettava questo da The Farmer’s Wife. Eppure non sono mancate le risate, specialmente per le reazioni incontrollate del Fattore rifiutato e di quello delle signore divenute da oggetto del desiderio a oggetto degli insulti più svilenti nel giro di pochi istanti. Bellissime anche le scene in cui Gibb McLaughlin interpreta il vecchio logorroico Heny Coaker. Insomma The Farmer’s Wife ha tanti elementi per piacere e divertire pur tenendo presente che non si tratta di certo di un film tipico di Hitchcock sia per quanto riguarda il periodo muto che, ovviamente per quello successivo. Un elemento a sfavore è forse quello della durata, forse eccessiva, e della ridondanza di alcune scene e situazioni.

Approfondimenti: per maggiori informazioni rimando all’articolo sul blog Cinefilia Ritrovata.

Il Declino (Downhill) – Alfred Hitchcock (1927)

Con il Downhill, Alfred Hitchcock tenta di raccontare il vero e proprio declino della vita di un giovane ragazzo altolocato, interpretato da Ivor Novello, a causa di colpe non sue. La crudele parabola discendente di un giovane che sembrava avere tutto, è sottile e ben strutturata. Nel corso di tutta la proiezione si è tentati di continuare a vedere le vicende per sapere se ci sarà un lieto fine o meno. Ancora una volta ritroviamo Eliot Stannard nella sceneggiatura, da un adattamento di un’opera teatrale scritta dallo stesso Novello (che abbiamo imparato a conoscere come sceneggiatore con la saga di The Rat) e Constance Collier.

Roddy (Ivor Novello), sembra avere tutto dalla vita: è giovane, bello, benestante ed ha appena ottenuto l’onore di capitanare la squadra di Rugby della scuola. Ma quando, assieme al suo amico Tim (Robin Irvine), meno ricco e fortunato di lui, si mette nei guai con la malvagia Mabel (Annette Benson), rossa di invidia perché Roddy gli ha negato un bacio (e forse anche attratta della sua fortuna), questi si assume tutta la colpa della presunta violenza nei confronti della ragazza pur di consentire al suo amico di vincere una borsa di studio, essenziale per il proseguimento degli studi. Viene così cacciato dalla scuola e presto cacciato dal padre (Norman McKinnel). Roddy si ricicla così come attore e ballerino, tentando di conquistare Julia (Isabel Jeans), senza riuscirci. Quando però Roddy eredita una forte somma, la malvagia donna non esita a sposarlo per spendere ogni singolo soldo che questi ha messo da parte. Il ragazzo si ritroverà nuovamente in mezzo alla strada in un baratro sempre più profondo che lo porterà, infine, tra le mani di alcuni malviventi marsigliesi. Il tunnel di decadenza in cui Roddy si è cacciato sembra così non avere mai fine, eppure c’è pur sempre una speranza…

Hitchcock dirige ottimamente questo film, che colpisce per la sua profondità e per alcuni esperimenti e trovate che avranno spazio anche in film più noti del regista britannico. Mi riferisco, ad esempio, alla scena in cui Roddy è in preda alle allucinazioni (tinte di verde), dove tutto ruota e poi prende forma con le persone che hanno usato e umiliato il ragazzo, lì a denigrarli (nel video a fondo pagina in edizione, ovviamente, non restaurata). Alcuni elementi di questa scena ricordano da vicino altre che vedremo in film come Vertigo (1958). Ma è la chiarezza a mancare, o forse una certa uniformità nella trama. Alcuni elementi della trama sembrano essere dati per scontati, come già noti allo spettatore, altri appena accennati e non sviluppati. Chi perde la prima parte del film si ritrova completamente spaesato (e sappiamo quanto Hitch non amasse chi entrava quando lo spettacolo era già cominciato). Nel complesso comunque si tratta di un film piacevole anche grazie allo splendido, ancora una volta, lavoro di restauro effettuato dal BFI. Ora non ci resta che aspettare questo pomeriggio per una nuova visione dal vivo dei muti di Hitchcock.

Curiosità: difficile non notare paragoni con la saga di The Rat, tra l’altro scritta in parte dallo stesso Novello. Ne parlo anche nell’articolo su “Cinefilia Ritrovata” che verrà pubblicato oggi.

Il Pensionante (The Lodger: A Story of the London Fog) – Alfred Hitchcock (1927)

novembre 13, 2012 4 commenti

Il Pensionante è forse il mio muto di Alfred Hitchcock preferito, ma potrei rincarare la dose affermando che forse è uno dei miei Hitchcock preferiti nonché uno dei miei muti preferiti in assoluto. La prima volta mi ero imbattuto nella produzione muta di Hitchcock quasi per caso, perché mi esercitavo traducendo le didascalie dei suoi film dall’inglese all’italiano per poi condividerli. Non so sinceramente che fine abbiano fatto tutti i file di testo che avevo preparato e neanche l’effettiva qualità della traduzione, ma certamente tra tutti i film del “maestro del brivido” prodotti in questi anni The Lodger era quello che più mi aveva colpito.  Del resto, almeno sentedo Truffaut, Hitchcock considerava questo il suo primo vero film. Quando ho scoperto che sarebbe stata prodotta una nuova edizione in Bluray non ho potuto resistere e dopo tanto tempo ho potuto finalmente rivedere questo capolavoro in una vesta completamente rinnovata.

Le vicende, tratte dal libro omonimo di Marie Belloc Lowndes, sorella di Hilaire Belloc, che si ispirava alla storia di Jack lo squartatore, erano state messe in scena a teatro nello spettacolo “Who Is He?” attirando l’attenzione del regista. Ottenuti i diritti per la realizzazione dell’opera, Hitchcock, insieme a Eliot Stannard, scrisse la sceneggiatura e preparò minuziosamente tutte le scene prima di mettersi davanti alla cinepresa. Per interpretare i protagonisti vennero scelti Ivor Novello, attore molto famoso in Gran Bretagna, e June Tripp, attrice dalla breve carriera cinematografica, interrotta nel 1929 dopo aver sposato il Barone John Alan Burns (da cui divorziò qualche anno dopo intraprendendo una nuova carriera di attrice teatrale e trasferendosi in America).

Londra è sconvolta da brutali delitti compiuti ad opera di un killer seriale che ama firmare i suoi delitti come “il vendicatore”. Gli omicidi sono stati effettuati tutti rigorosamente di Martedì ai danni di ragazze bionde. Proprio un Martedì notte nella pensione dei coniugi Bunting (Arthur Cresney e una spendida Marie Ault), uno strano ragazzo chiede di poter alloggiare da loro per qualche tempo. Il pensionante (Ivor Novello) mostra subito strani comportamenti tra cui un evidente odio per i quadri raffiguranti donne dai riccioli d’oro. Allo stesso tempo sembra invece molto attratto dalla bionda figlia dei Bunting, Daisy (June Tripp qui indicata solo come June) fidanzata del Detective di Scotland Yard Joe Betts (Malcom Keen). Chi sarà il tremendo assassino di Londra? Il pensionante è in qualche modo implicato?

Attraverso uno splendido gioco di immagini e di dialoghi dalle molteplici interpretazioni, Hitchcock si diverte a confondere lo spettatoregiocando sull’ambiguità del personaggio del Pensionante che viene continuamente messo in discussione. In questo film si avverte l’influenza del cinema espressionista tedesco e forse di Murnau in particolare. Tutto nelle riprese è stato studiato nei minimi particolari, anche le didascalie non sono mai banali ma richiamano alcuni esprimenti espressionisti tipici di quell’epoca (primo non tedesco che mi viene in mente è il corto “The Life and Death of 9413 a Hollywood Extra” del ’28). Le interpretazioni degli attori sono davvero ottime e questo da ulteriore spessore ad una sceneggiatura molto intrigante. Tutti questi elementi contribuirono a rendere The Lodger un vero e proprio successo, tanto che viene ancora oggi considerato uno degli migliori muti britannici di sempre (il successo è dimostrato anche dalla locandina in tedesco che ho scelto per questo articolo). Venne fatto subito un remake sonoro nel 1932 con lo stesso Ivor Novello nel ruolo del pensionante. Fu un flop clamoroso. Nel film Gosford Park del 2001, l’attore (interpretato da Jeremy Northam) afferma che il film sarebbe stato inevitabilmente un insuccesso.

The Lodger di Hitchcock, come anticipavo, è stato impreziosito dallo splendido restauro effettuato dal BFI National Archive in collaborazione con l’ITV Studios Global Entertainment e il Network Releasing che hanno dato vita ad un Blu-ray dalla qualità incredibile accompagnato da una splendida colonna sonora opera dell’acclamato musicista poliedrico Nitin Sawhney di origine indiano-britannica. Nel Blu-ray sono presenti due dischi extra con tanto di colonna sonora eseguita splendidamente dalla London Symphony Orchestra. Acquisto consigliatissimo! Non mi resta che lasciarvi al trailer del film sperando di aver stuzzicato la vostra curiosità. Buona visione!