Archivio

Posts Tagged ‘Per Lindberg’

La Banda di Nurtull (Norrtullsligan) – Per Lindberg (1923)

Nel 1923 usciva Nortullsligan, secondo lavoro da regista di Per Lindberg. Nonostante sia appena il secondo film di Lindberg, il film dimostra una maturità fuori dal comune. Con profondità, egli approfondisce la vita di un gruppo di donne che cresce e vive con le sue proprie forze. Un argomento difficile da trattare ma che lui fa con estrema leggerenza ma allo steso tempo con estrema profondità.

Delle giovani donne di Norrtull, tutte lavoratrici, decidono di sostenersi a vicenda e creare un gruppo noto come la banda di Nortull. Le ragazze si aiutano a vicenda nelle difficoltà quotidiane ed ognuna porta i soldi a casa impegnandosi in ruoli diversi. La protagonista è Pegg (Tora Teje), che racconta la vicenda in prima persona. Assiem a lei vivono Baby (Inga Tidblad), la piccola del gruppo, Eva (Renée Björling) ed Emma (Linnéa Hillberg) che soffre di gravi problemi di schiena. Pegg ha anche un fratellino (Lauritz Falk) che cresce come se fosse suo figlio. Purtroppo diverse situazioni minano la serenità del gruppo: i problemi alla schiena di Emma la portano alla paralisi, Baby viene licenziata per aver scioperato e ha un grave debito che non riesce a sanare. Pegg si spinge quindi a chiedere del denaro al suo capo (Egil Eide), che accetta volentieri ma inizia a corteggiarla assiduamente. Baby viene sedotta dal un poco di buono (Nils Asther) e tutto sembra andare a rotoli. Ma poi scocca l’amore. Una società chiusa agli uomini si apre finalmente di fronte all’amore. Pegg sposa il suo capo, il fidanzato di Baby le giura amore eterno e tutti ritrovano finalmente la felicità.

Il film parla di solidarietà femminile in un mondo di maschi, dove per altro il lavoro delle donne non sempre era visto di buon occhio. Norrtullsligan invita però i movimenti femministi a non chiudersi in loro stessi, di non dare per perduto il sesso maschile. Esistono persone che credono nella parità di sessi e che possono ancora amare e comprendere. Questo è un messaggio di speranza per tutte le donne del 1923, ed è un messaggio di una forza immensa. La cosa che colpisce, è l’io della protagonista che racconta la storia, decisamente una scelta strana. Diciamo però che questo elemento rende subito chiara la dipendenza da un romanzo, omonimo e scritto da Elin Wägner. Oltre ad un manifesto femminista, Nortullsligan  è anche una denuncia verso le condizioni lavorative dell’epoca, che non consentivano scioperi di sorta, men che meno se femminili. Il film è peraltro un invito alla sobrietà e devozione, una sobrietà che può comunque attirare l’attenzione degli uomini in grado di vedere non solo l’aspetto fisico portato ai limiti estremi di artificiosità, ma anche l’animo. Questo in fondo è stato uno dei fili conduttori del Cinema Ritrovato 2014 dove il film è stato proiettato. Nortullsligan ha anche un’ottima fotografia che viene esaltata da uno studio attento di luci e ombre. Insomma, ancora una volta non ci resta che aspettare l’uscita del dvd.

per maggiori informazioni vi rimando a cinefilia ritrovata.

Annunci

Cinema Ritrovato 2014 – Prime Anticipazioni Mute

Da qualche ora è uscita una prima anticipazione del programma del Cinema Ritrovato 2014 che prenderà il via il 28 Giugno per terminare il 5 Luglio 2014. Oltre a questo ci sarà un convegno dedicato ai 100 anni di Charlot che andrà dal 25 al 28 Giugno. Tra questi due eventi sono in programma circa 230 film muti. I film verranno presentati nelle seguenti sezioni: 100 anni di Charlot, documentari, 1914: il cinema cento anni fa, ritrovati e restaurati, William Wellman: tra muto e sonoro, Il Dottor Portegg, suppongo? – Le commedie di e con Rosa Porten, Werner Hochbaum: un uomo diviso, Germaine Dulac: un cinema di sensazioni, I 50 anni dell’Österreichisches Filmmuseum. Tutti i film muti saranno accompagnati da noti artisti e compositori come Neil Brand, Antonio Coppola, Daniele Furlati, Stephen Horne, Maud Nelissen, Donald Sosin, John Sweeney e Gabriel Thibaudeau. Ma andiamo all’elenco dei film finora annunciati.

Per il convegno Chaplin:

• Kid’s Auto Races in Venice (1914) di Charlie Chaplin
• A Night in the Show (1915) di Charlie Chaplin
• The Immigrant (1917) di Charlie Chaplin
• Shoulder Arms (1918) di Charlie Chaplin

Durante il Cinema Ritrovato 2014:
• Fantômas (1913) di Louis Feuillade
• Addio giovinezza (1918) di Augusto Genina
• Das Cabinet des dr. Caligari (Il gabinetto del dottor Caligari, 1920) di Robert Wiene
• Norrtullsligan (The Norrtull Gang, 1923) di Per Lindberg
• The Epic of Everest (1924) di Captain John Noel
• The Temptress (La tentatrice, 1926) di Fred Niblo
• Why Be Good? (1929) di William Seiter
• The Merry Widow (La vedova allegra,1925) di Erich Von Stroheim
• Cabiria (1914) di Giovanni Pastrone
• Maudite soit la Guerre (1914) di Alfred Machin
• You Never Know Women (Maschere russe, 1926) di William Wellman
• Beggars of Life (1928) di William Wellman
• The Man I Love (1929) di William Wellman
• Wem Gehört das Kind? (1910) di Franz Porten
• Das Teufelchen (1917) di Franz Porten
• Zwei Welten (1929) di Werner Hochbaum
• Brüder (Brother,1929) di Werner Hochbaum
• Le Olimpiadi di Amsterdam (1928)