Archivio

Posts Tagged ‘Sandra Milovanoff’

Pêcheur d’Islande – Jacques de Baroncelli (1924)

cofAl Cinema Ritrovato è stato proiettato uno dei miei film preferiti, Finis terrae, ambientato in una delle mie terre di origine. Ovviamente su queste pagine già avevo parlato del film, ma oggi abbiamo occasione di tornare finalmente nelle terre di Bretagna con Pêcheur d’Islande, un film di cui purtroppo ci è rimasto solo qualche minuto ma che lascia comunque trasparire gli splendidi paesaggi locali in tutto il loro splendore. La storia prende origine dal romanzo omonimo di Pierre Loti (1886) che già aveva avuto una prima trasposizione nel 1915 con regia di Henri Pouctal, versione cinematografica purtroppo perduta. Il successo della storia porterà a nuove versioni con l’avvento del sonoro prima la cinema (1933 e 1959) e poi in televisione con un telefilm del 1996.

Le vicende ruotano tutte intorno alla storia d’amore tra Yann Gaos (Charles Vanel), marinaio che ogni anno parte per la pesca grande in Islanda, e Gaud Mével (Sandra Milovanoff), figlia di un bretone arricchitosi a Parigi e poi tornato in patria. Nel frammento sopravvissuto Yann è molto dubbioso riguardo il suo fidanzamento con Gaud, probabilmente perché ogni anno si ritrova a dover stare lontano diversi mesi. Secondo quando raccontato nel romanzo i due, qualche anno dopo, riusciranno finalmente a parlarsi e sposarsi poco prima della partenza di Yann per l’Islanda. Peccato che la nave del protagonista non farà più ritorno, lasciando nella disperazione la povera Gaud.

Il film è rappresentativo del filone Bretagna e cinema in cui l’oceano e la natura in generale colpiscono con tutta la loro forza e imprevedibilità le vicende umane. L’oceano dà e l’oceano toglie, così come ogni anno aveva dato la felicità a Gaud nel rivedere l’uomo che amava, allo stesso tempo, quando finalmente l’amore aveva trionfato, essa si riprende tutto lasciando un vuoto incolmabile.

Questo dramma mi fa venire in mente una canzone dei Tri Yann che si chiama Franzosig in cui una giovane donna aspetta invano il ritorno del marito tornato in guerra e considerato perduto e decide allora di risposarsi. Il giorno del matrimonio…

Na pa oa tud an eured diouzh an taol o koanio,
N’em gavas ur martolod ’ban ti a c’houl’ lojo :
“Bonjour d’oc’h matez vihan, na c’hwi lojefe ?
Me ’zo martolod yaouank ’tistreiñ eus an arme”.

Quando gli invitati mangiavano al banchetto,
un marinaio chiese di poter essere ospitato:
“Buongiorno a lei signora, mi ospiterebbe?
Sono un giovane marinaio che torna dalla guerra”.

Anche qui ritroviamo il dramma di un uomo che torna dalla guerra e al contrario di quanto accaduto ad Ulisse con Penelope trova la moglie sposata con un altro. Chissà che non sia capitato lo stesso al giovane Yann che salvatosi in maniera rocambolesca era finalmente riuscito a tornare a casa trovando la moglie sposata con un altro.

Tralasciando queste elugubrazioni, vi lascio, se ne avete voglia, a quel che resta di Pêcheur d’Islande (1924):

<

<

Il fantasma del Moulin Rouge (Le Fantôme du Moulin-Rouge) – René Clair (1925)

La storia de Le Fantôme du Moulin-Rouge potrebbe essere la più banale tra tutte e invece…facciamo un passo indietro: Julien Boissel (Georges Vaultier) è un noto deputato perdutamente innamorato della bella Yvonne Vincet (Sandra Milovanoff) che ricambia il suo amore. Sorge però un problema, il padre di lei, Victor Vincet (Maurice Schutz) in gioventù ha compiuto atti illegali e il malvagio giornalista Gauthier (José Davert) minaccia di diffondere dei documenti compromettenti se Yvonne rifiuterà di sposarlo. Colto dal terrore, Victor allontana Julien dalla sua casa negandogli il permesso di rivedere sua figlia. Giunto al Moulin-Rouge per passare il tempo, Julien viene raggiunto dal Dr. Window (Paul Ollivier) che accortosi del dolore del ragazzo gli propone di andare nel suo studio promettendogli di avere il rimedio contro le sue sofferenze. Con uno straordinario esperimento, il dottore riesce a separare l’essenza corporea di Julien da quella inanimata. Julien, sotto forma di spettro, sia aggira quindi per la città facendo scherzi e dispetti a tutti, immemore delle sue sofferenze passate. Sulla vicenda si metterà ad investigare Jean Degland (Albert Préjean), giornalista presso il giornale di Gauthier ma per niente d’accordo con i metodi del malvagio padrone. Inutile dire che dopo aver sbrogliato tutte i complicati fili della trama, non mancherà il lieto fine.

René Clair stupisce come al solito. Da un soggetto apparentemente banale, riesce a creare l’impensabile, mettendo in scena le magie di un fantasma burlone, messo scena attraverso una sovrimpressione attuata piuttosto bene. Dico piuttosto bene, perché rispetto ad un capolavoro come Körklaren di Victor Sjöström, che porta all’apice massimo l’utilizzo di questa tenica, in Le Fantôme du Moulin-Rouge l’espediente non è a mio avisso usato in maniera perfetta e alcune scene tendono ad uscire dalle linee del mio gusto personale. In ogni caso il film colpisce nel segno anche solo per l’inserimento dell’elemento “ectoplasmico” che ravviva decisamente un trama eccessivamente prevedibile. Oltre ad essere prevedibile, il finale non è neanche del tutto chiaro e mi è sembrato decisamente forzato, quasi tirato via per chiudere in fretta una storia che aveva già dato il meglio di sé prima di finire. Se da un lato sceneggiatura non mi ha convinto totalmente, la recitazione, invece, mi ha invece colpito decisamente in positivo. Senza voler togliere a nessuno, l’attore che più mi ha stupito è stato un Albert Préjean in versione Douglas Fairbanks, sempre pronto a scalare edifici e difficili ostacoli pur di raggiungere la verità.

Passiamo ora all’analisi fantascietifica di questo lungometraggio, che in fondo è ciò che più ci interessa per il progetto. Con Le Fantôme du Moulin-Rouge siamo davanti a un tipico filone di fantascienza medico/scientifica. Un medico, tramite studi e macchinari astrusi, riesce a separare l’anima dal corpo di un uomo, togliendolo dalle problematiche del mondo reale e rendendolo libero dai beni terreni. Visti i risultati, speriamo che questa volta la realtà non incontri la fantasia! Con Le Fantôme du Moulin-Rouge, in fondo non ci allontaniamo troppo da Paris qui dort dello stesso anno, decisamente più geniale e che alla componente ectoplasmica contrapponeva un blocco temporale. Difficile sapere quale sia stata la prima attestazione dvritta riguardante i fantasmi, allo stesso modo è altrettanto difficile poterlo capire nel cinema muto, vista l’enorme quantità di film andati perduti. Sappiamo però che a Clair questo espediente piacque particolarmente visto che nel 1935 diresse Il fantasma galante (The Ghost Goes West). E poi, l’immagine del “bacio fantasma” non vi ricorda niente? Chissà che gli autori di Ghost non abbiano visto questo film…

Se si vuole acquistare Le Fantôme du Moulin-Rouge, le alternative sono davvero poche e tutte americane. Consiglio al limite di prendere la versione della Sinister Video, anche per via del prezzo decisamente contenuto.