Archivio

Posts Tagged ‘BFI’

Ricatto (Blackmail) – Alfred Hitchcock (1929)

luglio 4, 2013 2 commenti

Abbandonato Eliot Stannard,  Alfred Hitchcock fece un notevole passo in avanti verso quella strada che lo avrebbe fatto diventare ‘il maestro del brivido’. La sceneggiatura di Blackmail venne affidata a Charles Bennet, autore anche dell’opera teatrale, assieme allo stesso Hitch. Del film vennero girate due versione: una muta e una parzialmente sonora, come di uso all’epoca, con meno scene e inquadrature. Eppure, inutile dirlo, la versione sonora ebbe molto più successo di quella muta. Il parere del regista su quale versione preferisse è abbastanza ovvia dalla sua affermazione’i film muti sono la forma più pura di cinema’. Non a caso interrogato su quali fossero i suoi dieci film preferiti, Hitchcock, in una vecchia intervista citata da Charles Barr, ne indicò nove muti e solo un sonoro.

La giovane Alice White (Anny Ondra), dopo aver litigato con il suo fidanzato l’agente di Scotland Yard Frank Webber (John Longden), cede alle avance dell’artista Mr. Crewe (Cyril Ritchard) e per ingenuità lo segue fino al suo appartamento. Quando l’artista tenta di violentarla lei, preso un coltello, lo uccide e fugge dall’appartamento. Quando il fidanzato viene mandato ad indagare sul caso trova un guanto della ragazza e lo nasconde credendo che l’omicidio sia avvenuto dopo la visita di Alice. Quando tutto sembra sistemato si presenta improvvisamente uno strano personaggio, Mr. Tracy (Donald Calthrop), che possiede l’altro guanto della ragazza che sostiene di aver trovato proprio nella stanza dove è avvenuto il crimine. In un crescendo di tensione l’uomo inizia a ricattare la coppia in maniera sempre più incalzante. Ma le carte si ribaltano e quando si scopre che Tracy è un pregiudicato, Frank decide di incastrarlo. Inizia così una lunga fuga del ricattatore diventato ora ricattato che termina sul tetto del British Museum con la morte di Tracy, seppur innocente. Nel frattempo però Alice, ignara di quanto sta accadendo al suo ricattatore, decide di andare a confessare l’omicidio. Solo il provvidenziale intervento di Frank sventerà il piano di confessione e risolverà la questione in un delitto perfetto…

Il film è davvero ben costruito e della giusta durata per mantenere alta la tensione. Impossibile non avere dei brividi di emozione nell’assistere a quella che potrebbe essere definita la nascita di tutto (considerando The Lodger come una sosta di fase di gestazione). Hitchcock è abile nel sapere capovolgere la bilancia di tensione che lega la coppia al misterioso Mr. Tracy, e regala infine un incredibile inseguimento dal finale drammatico. Proprio Donald Calthrop è l’attore che maggiormente colpisce per la sua profondità e interpretazione del malvagio ma fragile Tracy, che appena si vede messo con le spalle al muro perde la capacità di ragione e va incontro ad una inevitabile morte. Come già detto per l’articolo su Cinefilia Ritrovata, Micheal Powell sostenne di aver invetato lui il finale alternativo con l’inseguimento al museo, che differisce rispetto alla versione originale dell’opera di Bennett che terminava con la scoperta che nessun omicidio era stato compiuto. Ma sempre Charles Barr ha fatto un paragone interessante per Hitchcock: egli, sostiene lo storico del cinema nella sua lezione sui muti del regista, seppe comportarsi come una spugna in grado di prendere quanto di meglio dai suoi collaboratori e farlo poi suo nel modo migliore. La lezione imparata con Blackmail, insomma, non è mai stata dimenticata da Hitch che ha saputo trarre il meglio da tutte le sue esperienze anche quelle mute purtroppo spesso bistrattate. Un muto da vedere e rivedere anche grazie allo splendido lavoro di restauro operato dal BFI che è riuscita a ridare splendore ad una pellicola incredibile.

Approfondimenti: per maggiore informazioni vi invito a consultare l’articolo presente su Cinefilia Ritrovata.

Vinci per me! (The Ring) – Alfred Hitchcock (1927)

luglio 3, 2013 1 commento

Il 1927 è uno degli anni più prolifici in assoluto per Alfred Hitchcock che sforna ben tre titoli nel giro di poco tempo. The Ring è l’ultimo prodotto di questo anno, il primo per la British International Pictures. Il film, che vede per la prima volta Hitchcock alla sceneggiatura di una propria opera, seppur insieme a John J. Cox, utilizza forse per la prima volta il ring come metafora della vita di un uomo.

Il campione del mondo di Boxe Bob Corby (Ian Hunter), sfida in un baraccone il giovane Jack ‘One-Round’ Sander (Carl Brisson), mandandolo al tappeto dopo numerosi round ed incassando il premio in palio. Colpito dalla bravura di Jack, Bob lo fa ingaggiare come sparring partner. Nel frattempo, però, ne insidia la moglie Nelly (Lillian Hall Davies) con regali e mille attenzioni. Folle di gelosia, Jack inizia ad allenarsi duramente fino ad arrivare a sfidare il campione del mondo e rivale in amore. Ma in palio questa volta non c’è solo il titolo, ma l’amore della bella Nelly…

Il film ebbe un ottimo riscontro da parte della critica e diede inizio ad un filone di film drammatici ambientati nel mondo della boxe. Il film è decisamente godibile e offre raramente cali di tensione. Hitchcock è sempre più a suo agio con la macchina da presa e regala alcune scene decisamente interessanti. L’ago della bilancia di tutto il film è sempre una donna: Nelly, che prima con i suoi flirt con Bob spinge Jack ad allenarsi più duramente per impartire una lezione al suo rivale e poi, nell’ultimo grande combattimento, sposta letteralmente gli equilibri dell’incontro schierandosi da una parte o dall’altra. Splendido anche il personaggio dell’allenatore di Jack, interpretato da uno splendido Gordon Harker che ricorda da vicino altri personaggi di questo tipo nella filmografia legata alla boxe. Il film mostra che il duro lavoro e la dedizione a volte pagano, così come un amore puro di fronte al vile denaro. Un film da vedere e consigliare proprio per il suo ritmo decisamente abbordabile anche per uno spettatore dei nostri giorni.

Per approfondimenti: rimando al mio articolo su cinefilia ritrovata.

Muta Fantascienza

marzo 8, 2013 2 commenti

Fin dalle sue origini il cinema ha dedicato ampio spazio alla Fantascienza. Iniziarono i Fratelli Lumière nel 1895 con il loro divertente “La Charcuterie mécanique” (traducibile come “la salumeria meccanica”), dove un maiale, inserito in una speciale macchina, veniva immediatamente trasformato in una serie di salumi pronti da consumare.

Fu poi la volta di Georges Méliès, che con Voyage sur la Lune (1902) diede una forta scossa alla fantascienza e all’immaginazione dei primi spettatori cinematografici grazie al suo viaggio sulla Luna. La sua creazione ebbe tanto successo che dallo stesso filone nacquero plagi più o meno evidenti (tra questi forse il più evidente è Excursion dans la Lune di Segundo de Chomón del 1908). La Luna divenne allora uno dei punti di riferimento per la fantasia cinematografica e vennero presto alla luce anche altri film più complessi come il britannico The First Men in the Moon di Bruce Gordon e J.L.V. Leigh (1919), ispirato all’omonimo racconto di H.G. Wells, purtroppo considerato perduto e presente tra i “75 Most Wanted” della BFI (British Film Institute).

Ma anche Marte ebbe presto il suo filone di film, con l’italiano Un Matrimonio Interplanetario (1910) di Enrico Novelli (anche se in realtà l’incontro con i marziani avviene sulla Luna), ma soprattutto con il danese Himmelskibet di  Holger-Madsen (1917) e poi, con il più celebre Aelita di Yakov Protazanov (1924), il quale contribuì ad influenzare, almeno a livello di costumi, molte altre produzioni fantascientifiche.

Una delle serie Horror Fantascientifiche più note è certamente quella di Alraune, ispirata dall’omonima storia scritta da Hanns Heinz Ewers nel 1911, che ebbe tanto successo da diventare una trilogia. Il successo nell’epoca del muto fu tale che ne vennero girate almeno tre versioni: due nel 1918 (una ungherese, andata perduta, ed una tedesca), ed infine la terza e più celebre del 1928 di Henrik Galeen con Brigitte Helm. Oltre a queste venne prodotto anche un crossover nel 1919 dal titolo Alraune und der Golem di cui però non è noto alcun particolare.

Ovviamente in mezzo a tutte queste pellicole uno spazio di riguardo se lo ritaglia Fritz Lang con due capolavori: il già trattato Metropolis (1927) ma soprattutto Una donna nella luna (Frau in Mond) del 1929, che prima avevo evitato volutamente di citare.

La lista dei film è relativamente lunga, ma quello che colpisce è la diversità dei paesi in cui questi film sono stati prodotti. Abbiamo, infatti, già citato produzioni provenienti da Francia, Germania,  Gran Bretagna, Stati Uniti, Unione Sovietica, Danimarca, Ungheria e ovviamente anche dalla nostra Italia. Ed è proprio in Italia che ci soffermeremo ancora con Le avventure straordinarissime di Saturnino Farandola di Marcel Fabre (1913) uno degli iniziatori del genere fantascientifico d’avventura, senza dimenticare l’Uomo Meccanico di André Deed (1921) di cui abbiamo già avuto modo di parlare, e che con i suoi fantastici robot riuscì ad influenzare la cultura italiana (basti vedere nei fumetti Zagor o Topolino). Il tema dei Robot era però già stato trattato almeno con la serie The Master Mystery (nota per la collaborazione diretta del grande Mago Houdini).

Visto l’ampio spazio che il cinema ha dedicato a questo genere, ho deciso di far partire un piccolo progetto fantascienza che prevederà, almeno per questa prima settimana, la pubblicazione di una recensione al giorno di questo tipo. Ovviamente non ho potuto citare tutti i film che prenderanno parte al progetto ma solo fare una premessa generale al progetto probabilmente si modificherà nel tempo mano a mano che riuscirò a visionare nuovi film. In ogni recensione cercherò non solo di parlare della storia del film in generale, ma anche di inquadrarla all’interno del panorama fantascientifico. Lo scopo è quello di provare a vedere in linea di massima in che ambito il film si colloca in rapporto al filone fantascientifico e da dove gli autori hanno preso spunto ed eventualmente quanto poi queste produzioni hanno influenzato le opere successive. Inserirò, inoltre, una pagina speciale dedicata alla fantascienza per accedere con maggiore facilità a tutti i link relativi a questo progetto. Il mio fine è quello di creare una raccolta il più completa possibile su questo genere nel cinema muto.

COLLEGAMENTO ALLA PAGINA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO FANTASCIENZA

Termino questa presentazione al progetto con il video del primo film di fantascienza, l’incredibile Charcuterie mécanique che ho citato all’inizio di questo articolo. Buona visione!

The Rat – Graham Cutts (1925)

novembre 28, 2012 6 commenti

Dopo Fantômas e Za-la-mort, ci occupiamo finalmente anche del grande The Rat, criminale parigino nato dalla fantasia di Constance Collier e Ivor Novello. Inizialmente creato per essere rappresentato a teatro, il ladro poco gentiluomo The Rat, venne portato anche sul grande schermo sotto la direzione di Graham Cutts e con la partecipazione dello stesso Ivor Novello (nel ruolo del protagonista) e di Mae Marsh. Il film fu un vero e proprio successo tanto che vennero fatti due sequel muti e un remake sonoro.

Pierre Boucheron, criminale noto come The Rat (Ivor Novello), passa le sue giornate nel White Coffin Club dell’anziana Mère Colline (Marie Ault), dove viene amato, temuto e rispettato. Un giorno una ricca e viziata nobile, Zelie de Chaumet (Isabel Jeans), lo vede nel locale e se ne innamora. Pierre, colpito dalle splendide perle della donna, contro il volere della sua Odile (Mae Marsh), decide di accettare le lusinghe di Zelie per provare ad impadronirsi dei suoi gioielli. Aprofittando dell’assenza del nostro eroe, il perfido Herman Stetz (Robert Scholtz), si introduce nell’abitazione di The Rat e tenta di far sua la povera Odile…

Il film, dopo un avvio lento, utile però a delineare i tratti del personaggio di “The Rat“, accellera i ritmi fino ad arrivare ad un finale emozionante. Centro di tutta la vicenda è l’amore delle donne per il criminale, il quale al contrario sembra non averne per nessuna. Ivor Novello, in questa pellicola, si rivela per tutta la sua carismatica e misteriosa bellezza che lo hanno portato ad essere considerato “il Rodolfo Valentino britannico“. L’imperturbabilità e il carisma del personaggio sono rafforzati da un ottimo uso, per quanto semplice, del trucco. Mae Marsh interpreta alla perfezione il ruolo della giovane Odile, che per amore sarà disposta a mettere a rischio il suo futuro. Purtroppo la Marsh non reciterà negli altri due film della saga, ma lascerà il posto a Isabel Jeans, sempre nel ruolo di Zelie de Chaumet.

Il film non mi risulta sia stato mai rilasciato in DVD ma è possibile visionarlo attraverso un riversamento effettuato probabilmente direttamente da un negativo. In esso si notano tracce colorazione. In realtà un restauro dovrebbe essere stato effettuato, o almeno così mi sembra di aver intuito da due indizi: 1) nel 2008 il film è stato trasmesso nell’ambito del British Silent Film Festival di Nottingham con tanto di musica dal vivo (per ulteriori informazioni sull’evento potete cliccare qui); 2) nella pagina del British Film Institute (BFI) dedicata al film si può notare, in tutto il suo splendore, un’immagine tratta da una delle prime scene del film (potete visionare la pagina cliccando qui). Questi due indizi lasciano sperare che il film abbia subito un qualche tipo di restauro e che venga presto editato in DVD o Blu-Ray (magari insieme agli altri tre film della trilogia). Certo, quattro anni sono tanti, ma la speranza è l’ultima a morire. Vi lascio con un video della “Apache dance” di The Rat tratta dallo stesso riversamento di cui vi ho parlato. Buona visione!

Curiosità: tra The Rat e Za-la-mort sembrano esserci diversi elementi in comune tra i quali anche l’appellativo di Apache. Il termine in realtà è quando meno calzante per The Rat, in quanto veniva utilizzato colloquialmente in Francia, dove è ambientata la vicenda, come sinonimo di gangster o criminale in generale. La grande diffusione delle avventure di Fantômas, Lupin e simili coontribuirono poi ad espartare questo modo di dire anche all’estero. IMDB, ad esempio, riporta che il primo sequel del film, “The Triumph of The Rat” era noto in Germania semplicemente come “Der Apache“. Tra l’altro la Germania è certamente uno degli stati in cui la trilogia ebbe maggior successo.